Iscriviti OnLine
 

Pescara, 15/09/2019
Visitatore n. 681.256



Data: 08/05/2019
Testata giornalistica: Quotidiano del Molise
Bilancio, maratona conclusa: ora preoccupa l’Anas. Il governatore: «Danno enorme se ci sarà una riduzione dei servizi». Anas, l’accorpamento va contro il Molise. Il consiglio regionale approva all’unanimità un atto di indirizzo

La questione dell’accorpamento dell’area compartimentale Anas del Molise con quella dell’Abruzzo è stato uno degli argomenti di discussione fuori e dentro il Consiglio regionale. La presenza di lavoratori e delegati sindacali dinanzi Palazzo Vitale e poi presenti nell’aula consiliare ha creato non poca tensione nella stessa maggioranza, dato che le decisioni prese interessano appieno il Ministero delto riportato. Precedentemente Greco ha urlato davanti alla mia faccia come un cane, avevo soprasseduto, ma a questo punto chiedo che venga ripreso anche questo video. Inoltre devono essere riprese anche le allusioni sul mio stato di salute. La reputo – ha aggiunto Toma – facente parte della razza umana e le auguro di vivere molto più di me. Non ho mai avuto intenzione di maledire nessuno, ma ho capito che con alcune persone non si può utilizzare l’ironia perché viene strumentalizzata. Non ho problemi con la commissione, ma aggiungo – ha concluso Toma – che c’eravamo chiariti nella capigruppo, da uomini». le Infrastrutture e quello del Tesoro che detiene il capitale pubblico della società e dunque la Lega rappresentata nell’esecutivo dall’assessore Luigi Mazzuto. Non da meno qualche imbarazzo e difesa d’ufficio sulle politiche intraprese dal Ministero delle Infrastrutture guidato dal ministro Toninelli sono state avanzate da parte degli esponenti del gruppo pentastellato. In questo ambito in apertura di seduta il Presidente Toma ha relazionato all’aula sulla nota inviata il 4 maggio all’Amministratore Delegato dell’ANAS, Massimo Simonini, e per conoscenza al Coordinamento territoriale adriatica ed all’Area compartimentale del Molise, con la quale ha chiesto di astenersi dal procedere alle annunciate riorganizzazioni. Nella lettera Toma ha evidenziato come la decisione da parte dell’ANAS, produrrebbe un grave danno al nostro territorio, soprattutto dal punto di vista gestionale. L’Area Compartimentale Molise, infatti, al momento gestisce 663,77 chilometri di strade, quasi quanto altre regioni di maggiori dimensioni (Piemonte e Liguria). In alternativa, laddove dovesse rendersi necessario per l’ANAS procedere con tale revisione logistica, il Presidente della Giunta za scopo di lucro, a titolo gratuito o dietro pagamento di un ticket, che siano riconducibili, anche in maniera integrata, ai settori dello sport e del turismo. La domanda di candidatura dovrà essere trasmessa esclusivamente per via telematica dall’indirizzo di Posta Elettronica Certificata del soggetto proponente al seguente indirizzo PEC: regionemolise@cert.regione.molise.it entro il termine perentorio di 45 giorni dalla pubblicazione del Bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Molise, ed indirizzata alla Regione Molise - Primo Dipartimento - Servizio Politiche Culturali, di Promozione Turistica e Sportiva, Rapporti con i Molisani nel Mondo. ha chiesto che sia il Molise a divenire sede di coordinamento compartimentale anche per l’Abruzzo. In aula l’appello del gruppo del Partito Democratico indirizzato al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro delle Infrastrutture e ai membri del Consiglio di Amministrazione dell’ente nazionale per le strade, si è aggiunto a supporto a quello del Governatore Toma inviato alla Direzione generale Anas. Così come quello di Andrea Di Lucente che ha fatto riferimento all’assessore Mazzuto e ai parlamentari Cinque Stellle per trovare una soluzione all’interno dello stesso Consiglio dei Ministri. A conclusione della seduta dedicata all’approvazione del bilancio, infine, il Consiglio regionale sul tema ha approvato all’unanimità un atto di indirizzo con il quale fa voti affinché venga preservata l’autonomia dell’Area Compartimentale Molise al fine di evitare che si possa ulteriormente penalizzare il tessuto economico sociale della regione Molise. Nel documento, l’aula ha impegnato infine il presidente Toma ad adoperarsi nelle sedi competenti per rappresentare la posizione dell’Assise consiliare espressa con il medesimo odg. «Non esiste alcuna ragione plausibile, né politica né tanto meno tecnica, allo smantellamento del Compartimento Anas del Molise – afferma in una nota a margine Micaela Fanelli - e siamo felici che il Consiglio regionale abbia raccolto e fatta propria la proposta avanzata dal Gruppo consiliare del Partito Democratico. Aspettiamo di vedere quale sarà l’azione dell’Assessore della Lega Mazzuto, che deve farsi carico, insieme ai parlamentari 5stelle, di ottenere dal Governo le stesse condizioni assicurate alla Valle d’Aosta, in attesa di investire direttamente della questione i due vicepremier Salvini e Di Maio, attesi nei prossimi giorni a Campobasso.»

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it