Iscriviti OnLine
 

Pescara, 26/05/2019
Visitatore n. 674.837



Data: 11/05/2019
Testata giornalistica: Il Messaggero
Fs si candida a locomotiva del Pil decolla il maxipiano da 58 miliardi

ROMA «Un impegno record, un valore mai così alto». Fs scopre finalmente le carte del piano industriale 2019-2023 mettendo sul piatto 58 miliardi e scommettendo su un impulso al Pil nazionale compreso tra lo 0,7 e lo 0,9%, con la creazione di 120 mila nuovi posti di lavoro complessivi, di cui 12 mila prodotti per assunzione diretta. L'ambiziosa road map dell'azienda, benedetta dal governo («Sosteniamo la prospettiva di sviluppo e lo dimostrano il sorriso dei ministri Tria e Toninelli» ha detto il premier, Giuseppe Conte, definendo il sistema di trasporto integrato «la chiave di sviluppo del Paese»), è stata illustrata dall'ad dell'azienda, Gianfranco Battisti. Nel dettaglio, ha spiegato il manager, gli investimenti saranno dedicati principalmente alle infrastrutture: 42 miliardi di euro, di cui 28 per opere ferroviarie e 14 per le strade, 12 miliardi per nuovi treni e bus, 2 miliardi per le metropolitane, 2 miliardi per i servizi di Information and technology. In totale, trasversali a tutti i settori, oltre 6 miliardi di euro per tecnologie e digitalizzazione. Il primo risultato concreto di quest'iniezione massiccia di investimenti, nella strategia disegnata da Fs, sarà l'accelerazione di 1.600 cantieri Rfi e Anas in tutta Italia. Proprio al Sud, per le infrastrutture, sono destinati 16 miliardi di euro entro il 2023. Di questi, il focus sui progetti stradali riguarda l'A2 Autostrada del Mediterraneo, la Statale jonica e l'A19 Palermo-Catania. L'azienda punta anche a potenziare i servizi.
RINNOVAMENTO
Previsti 2 mila nuovi mezzi: treni, bus, locomotori e carri merci, per rendere la flotta di Fs la più giovane d'Europa e migliorare gli spostamenti. Una parte dei nuovi mezzi sarà dedicata al trasporto locale con 600 nuovi treni regionali, anticipando al 2023 la consegna di 239 convogli e 1.421 bus di cui oltre 500 a zero emissioni (elettrici, ibridi, a metano). Saranno 14 i nuovi Frecciarossa 1000 per consolidare i collegamenti Alta velocità e saranno potenziati la security e l'assistenza i clienti con 800 addetti in più. A proposito di Alta velocità, entro i prossimi 5 anni anche l'aeroporto di Milano Malpensa sarà della partita in quanto lo scalo milanese sarà connesso a Verona, Padova, Venezia, Bologna e Roma con nuovi collegamenti. Il piano prevede anche il potenziamento delle connessioni con aeroporti (Bologna, Catania, Genova, Venezia) e porti (ad esempio Civitavecchia). L'impegno strategico dovrebbe dare ottimi frutti finanziari. «Nel 2023 ha detto Battisti si raggiungeranno i 16,9 miliardi di ricavi con un Ebitda di 3,3 miliardi e un utile netto che arriverà a 800 milioni di euro». L'ad ha liquidato l'ipotesi privatizzazione: «In passato se ne è sempre parlato ma non è mai stata fatta e comunque si tratta di una decisione che spetta all'azionista di riferimento». «In questo momento non è all'orizzonte ha tagliato corto il presidente di Fs, Gianluigi Castelli. Quanto allo spinoso dossier Alitalia, Battisti ha rimandato tutto al 15 giugno prossimo. «Siamo in fase negoziale, si lavora in maniera riservata, nel caso dovessimo concludere l'operazione, il nostro piano industriale verrebbe riadattato, ma nei suoi pilastri non cambierebbe molto» ha chiarito il manager. Il quale ha anche smentito un distacco di Anas. «Da gennaio ha precisato Battisti è a tutti gli effetti un'azienda del gruppo Fs e decreti di ritorno al Mef non ce ne sono e non sono al momento previsti». Tornando al Piano industriale, dal quale si prevede di fidelizzare 90 milioni di passeggeri in più («Saranno intercettati grazie a servizi dedicati e a un'ampia combinazione di mobilità integrata: biglietti unici, una migliore distribuzione multicanale è una customer experience personalizzata» ha svelato Battisti) Fs punta a far crescere il business estero. Previsto un aumento dei ricavi fino a 2,3 miliardi dl 2023, con un +50%. In particolare, ha evidenziato Battisti, entro giugno l'azienda prenderà parte a gare a Washington e Los Angeles, per un totale di 12 miliardi di euro.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it