Iscriviti OnLine
 

Pescara, 22/10/2020
Visitatore n. 697.927



Data: 08/01/2009
Settore:
Trasporto pubblico locale
FILOVIA, PARTONO I LAVORI. RESTA L'INCOGNITA PESCARA - Consegnati i lavori alla presenza del sindaco di Montesilvano Cordoma e del presidente della Gtm Renzetti - Rassegna stampa - Speciale Multimedia (TVSEI)

L'appuntamento fissato alle ore 11 di mercoledì 7 gennaio nei pressi del parcheggio di viale Europa a Montesilvano è stato rispettato. Dopo anni e anni di polemiche, delibere, passeggiate elettorali e raccolte di firme ci siamo: il sindaco di Montesilvano presenziando alla cerimonia ufficiale per la consegna dei lavori da parte della Gtm alla Balfuor Beatty, ha dato il via ufficiale ai lavori per la realizzazione della filovia. Al momento i lavori per il primo lotto Pescara - Montesilvano interesseranno solo il tratto della strada parco che incide nel territorio del comune guidato da Pasquale Cordoma il quale ha sovvertito la decisione del suo predecessore Enzo Cantagallo riallineandosi sulla posizione di Renzo Gallerati che fu il primo sindaco di Montesilvano a schierarsi e a sostenere apertamente verso la realizzazione di una "Metropolitana leggera di superficie" sull'ex tracciato ferroviario. La consegna dei lavori giunge dopo più di anno e mezzo dalla firma del contratto e dopo due anni e mezzo dall'aggiudicazione dell'appalto da parte della Balfour Beatty Rail.
Era infatti il 12 luglio 2006 quando la Gtm (società di trasporto pubblico controllata dalla Regione) dispose l'aggiudicazione provvisoria della procedura ristretta per la realizzazione di un sistema Tpl elettrificato a tecnologia innovativa tra Pescara e Montesilvano alla Ati Balfour Beatty Rail spa - Apts Bv - Vossloh Kiepe di Milano con un offerta pari a 25.110.000 euro, con un ribasso di 650.000 euro circa sulla base d'asta. Mentre lo scorso 21 maggio 2007 dopo un primo tentativo andato clamorosamente a vuoto, l'attuale Presidente Donato Renzetti controfirmò il contratto.
Ed è proprio il Presidente della Gtm che sottolinea alcuni aspetti «Con Rfi (Rete ferroviaria italiana) - sostiene Renzetti - abbiamo già acquisito le aree site nel comune di Montesilvano e quelle di proprietà di soggetti privati ubicate in prossimità dell'attuale sede della Gtm a Pescara, dove verrà realizzato il deposito dei mezzi. Dall'atto della consegna dei lavori- ha concluso Renzetti - scatteranno ufficialmente i 24 mesi previsti per il completamento delle opere»
Sicuro e soddisfato il sindaco Cordoma «Siamo sempre stati convinti», dice il primo cittadino, «della bontà del progetto della filovia che attraversa l'ex tracciato della ferrovia, cioè la strada parco. Riteniamo, infatti, che possa assicurare un collegamento veloce e comodo».
Anche Ricardo Chiavaroli, ex Presidente della Gtm al momento dell'aggiudicazione della gara e neo eletto al Consiglio Regionale, interviene per sottolineare il suo contributo personale alla definizione dell'appalto di gara e all'assegnazione del progetto alla ditta vincitrice Balfour Beatty. «Allora come oggi sono convinto - sostioene l'esponente del Pdl - che si tratti di un opera strategica per l'area metropolitana con forte valenza innovativa e sicuramente utile per una mobilità sostenibile. Ora bisogna attivare da subito tutte le procedure utili a reperire le risorse per la prosecuzione del progetto nelle altre tratte. Questo sarà per me impegno priopritario in seno al nuovo Consiglio regionale».

Resta il forte dubbio per la posizione non molta chiara del Comune di Pescara che non ancora si è pronunciata ufficilamente in merito.
Per il completamento dell'opera occorrono complessivamente 56 milioni di euro circa, di cui 31 (divenuti 36 con gli interessi maturati) già finanziati per la realizzazione del primo lotto.

Filt Cgil: uso promiscuo. Filobus dal lunedì al venerdì, solo pedoni nei weekend e festivi. Il sì di D'Alfonso

La Filt Cgil da sempre profonda sostenitrice della realizzazione sull'ex tracciato ferroviario di una forma di trasporto pubblico veloce, a tecnologia avanzata ed ecocompatibile per la città di Pescara e per l'intera area metropolitana, non può che accogliere favorevolmente la notizia ufficiale dell'avvio di lavori.

Un'opera fondamentale per contribuire a promuovere una mobilità davvero sostenibile così come previsto nei programmi e negli obiettivi delle amministrazioni comunali interessate, o comunque coinvolte da questo progetto.

La Filt a tal proposito torna a promuovere un uso promiscuo della strada parco, una proposta caldeggiata sin dal 2004 dal sindacato dei trasporti della Cgil e condivisa, peraltro, da numerose associazioni di cittadini. Una proposta elaborata sulla base di un studio corredato da apposita documentazione fotografica che valorizza la concreta possibilità di utilizzare un sistema elettrificato ad alta tecnologia sull'ex tracciato ferroviario, limitatamente ai giorni e alle ore in cui vi è una particolare domanda di mobilità cittadina, lasciando conseguentemente la strada parco ai pedoni nei fine settimana e nei giorni festivi.

L'uso promiscuo dell'ex tracciato ferroviario potrebbe mettere in sintonia il diritto dei cittadini ad un trasporto pubblico appetibile e di qualità con quanti vorrebbero che la "Strada parco" rimanesse ad esclusivo utilizzo di pedoni e ciclisti.





www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it