Iscriviti OnLine
 

Pescara, 21/10/2020
Visitatore n. 697.907



Data: 08/06/2009
Settore:
Istituzioni
SPECIALE ELEZIONI 6/7 GIUGNO. - Il Pdl non sfonda. Boom per Di Pietro e Lega. La sinistra sparisce anche dall'Europa - EUROPEE: I risultati ~ PROVINCIALI: CHIETI - PESCARA - TERAMO ~ COMUNALI: PESCARA - TERAMO

In attesa di conoscere i dati delle amministrative che in Abruzzo ci interessano da vicino con 3 consigli provinciali da rinnovare e diverse amministrazioni comunali tra le quali Pescara, Teramo e Giulianova, siamo giÓ nelle condizioni di analizzare gli ormai definitivi risultati delle elezioni per il Parlamento Europeo. Il primo dato che emerge Ŕ la disaffezione dei cittadini verso l'Istituzione. L'affluenza alle urne in tutta Europa Ŕ stata bassissima e non ci deve far illudere il risultato pi¨ apprezzabile registrato in Italia. Con ogni probabilitÓ l'effetto trascinamento delle elezioni amministrative ha contribuito a rendere il risultato, seppur negativo (66,47%, sei punti in meno rispetto al 2004), meno amaro. Per quanto riguarda i risultati, le elezioni europee ci consegnano un Pdl che con il 35% circa di consensi rimane saldamente in testa in almeno 18 regioni su 20, ma che arretra rispetto alle politiche e soprattutto rispetto a quel 40% annunciato alla vigilia, forse incautamente da tanti esponenti della coalizione di centro-destra, premier in testa. I risultati davvero positivi arrivano invece dall'alleato di governo ovvero quella Lega che seppur nell'anomalia di rappresentare una forza politica che trova radici e consenso in una sola parte del paese, ottiene un ottimo risultato (10,57%) alla stregua di Idv (7,93%) e Udc (6,43%) che avanzano decisamente e si piazzano ben lontani dal quel quorum che diventa fatale sia per l'alleanza di Sinistra europea-Prc-Pdci (3,34%) che per Sinistra e libertÓ-Verdi (3,05%). Sinistra quindi che dopo essere rimasta fuori dal Parlamento italiano resta esclusa anche dall'Europa non superando lo sbarramento del 4% imposto per l'Assemblea di Strasburgo e Bruxelles. Stessa sorte per i radicali, che si fermano al 2,45% e per gli autonomisti del Pda, al 2,18.
Delude ancora il Pd che continua a perdere consensi anche se resta aggrappato alla soglia psicologica del 27% indicata come livello minimo di sopravvivenza.
In giornata a partire dalle ore 15 si procedrÓ allo spoglio delle schede per le elezioni amministrative. Su filtabruzzo.it i dati in tempo reale.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it