Iscriviti OnLine
 

Pescara, 25/05/2020
Visitatore n. 692.106



Data: 09/02/2010
Settore:
Filt Cgil Pescara
FIORILLI, NESSUN INTERVENTO SULLE CORSIE PREFERENZIALI - Dopo l'altolą dei sindacati su Via D'Annunzio, l'Assessore assicura: «L'argomento verrą valutato e concertato con i sindacati di categoria. Nessuna penalizzazione per il tpl» - La nota sindacale - Il comunicato stampa dell'Assessore - Rassegna stampa

Non si è lasciata attendere la replica del vice Sindaco di Pescara Berardino Fiorilli (nella foto) che nella veste di Assessore alla mobilità del capoluogo adriatico, è intervenuto sull'emergenza ambientale e, in modo particolare, sulla decisione assunta dalla Commissione Grandi Infrastrutture presieduta da Adele Caroli mirante a sopprimere la corsia preferenziale di via Gabriele D'Annunzio, nel tratto antistante piazza Garibaldi. Fiorilli, smentendo l'intera Commissione composta oltre che dalla stessa dott.ssa Adele Caroli, dal Presidente di Circoscrizione Portanuova Piernicola Teodoro, dal Colonnello dei Vigili Urbani, Mario Fioretti e dal responsabile di servizio del settore Traffico e Mobilità, l’architetto Emilia Michetti, ha affermato che il ‘caso’ relativo alla suddetta corsia preferenziale dei bus «verrà valutato e concertato con la Gestione Trasporti Metropolitani e con i sindacati di categoria, oltre che con gli operatori commerciali della zona, senza però penalizzare e pregiudicare il trasporto pubblico, né i suoi tempi di percorrenza né tantomeno la sicurezza del personale. In altre parole - ha poi precisato il Vice Sindaco - non consentiremo alla città di tornare indietro, o sarebbe un controsenso per un’amministrazione che tra l’altro sta puntando sul trasporto pubblico di massa investendo con coraggio anche sulla realizzazione della filovia. Prendiamo atto dei suggerimenti della Commissione consiliare, terremo conto delle proposte, ma è chiaro - ha concluso Fiorilli - che nell’immediato non potremo adottare provvedimenti estemporanei che avrebbero l’unico effetto di pregiudicare l’organizzazione della viabilità su tutto il territorio, creando stravolgimenti che determinerebbero ulteriori disagi e problemi più che vantaggi». Capitolo chiuso quindi per Adele Caroli e la sua Commissione che nel bel mezzo di una emergenza ambientale verso la quale amministrazioni di tutta Italia si sono spinte ad adottare provvedimenti drastici quali il blocco totale del traffico (vedi Milano), ha deciso di muoversi controtendenza, promuovendo, su pressione dei commercianti, la rimozione della corsia preferenziale di via Gabriele D’Annunzio definita testualmente “INUTILE”.Una decisione che ha scatenato la reazione dei Sindacati Provinciali Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti che hanno da un lato ribadito come le poche corsie preferenziali appannaggio dei mezzi pubblici, rappresentino terra di conquista e di libero accesso per tutti e dall'altro stigmatizzato l'operato della Commissione nel promuovere un'iniziativa sbagliata che oltretutto ignora l’origine del provvedimento in attuazione del quale, venne appositamente modificato il percorso della linea 38 trasferito da Viale Marconi – Via Conte di Ruvo a Viale Gabriele D’Annunzio. Quest'ultima considerazione ha spinto, altresì, i sindacati a tirare in ballo la stessa Gtm, probabilmente non interpellata dalla stessa Commissione, ma sicuramente colpevole di essere rimasta chiusa in un disarmante silenzio. Le affermazioni del Vice Sindaco che ha altresì annunciato un'imminente redazione del nuovo Piano urbano del traffico, sono state accolte favorevolmente dai sindacati i quali tuttavia chiedono un'immediata ripresa del confronto con l'Amministrazione Comunale sui temi della viabilità. Da subito e in via sperimentale, sostengono Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, sarebbe auspicabile introdurre anche a Pescara “gli occhi elettronici” a salvaguardia degli spazi riservati ai mezzi pubblici, un sistema molto semplice in forza da tempo nella Capitale e che prevede, attraverso l’utilizzo di apposite telecamere, il monitoraggio costante delle corsie preferenziali, con multe salatissime per i trasgressori.


 

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it