Iscriviti OnLine
 

Pescara, 09/12/2019
Visitatore n. 684.654



Data: 09/07/2010
Settore:
Cronache
MANGANELLATE SUI TERREMOTATI. DISINFORMAZIONE E CENSURA DA ALCUNI MEDIA - E per il Tg4 «Gli aquilani aggrediscono le forze di polizia». I servizi andati in onda nei Tg TG1 - TG2 - TG3 - SKYTG24 - LA7 - TG5

Evidentemente i cinquemila manifestanti che hanno sfilato per le vie di Roma sono stati vittima di un abbaglio e di «strumentalizzazioni» se è vero che il premier all'indomani delle proteste dei terremotati, continua a sostenere la tesi del «miracolo». Rispondendo ai microfoni di Studio Aperto ovvero ad una delle televisioni di cui è proprietario, il Presidente del Consiglio, commentando le manganellate ai terremotati aquilani, ha dichiarato di non aver ricevuto ancora il resoconto delle forze dell'ordine su quanto accaduto nella convulsa giornata di mercoledì, ma è sicuro che vi sia stata «molta strumentalizzazione». Secondo il giudizio del Premier «Il Governo ha risposto bene all'emergenza. La ricostruzione spetta agli enti locali, al Comune e alla Regione». E torna a parlare di 'miracolo': «In meno di 10 mesi abbiamo dato una casa a chi l'aveva persa».

Un giudizio altamente offensivo e sprezzante su un'intera comunità che ha voluto invece soltanto manifestare all'opinione pubblica il disagio e il permanere di condizioni di estrema difficoltà in cui versa gran parte della popolazione colpita dal sisma del 6 aprile. Per queste ragioni viene rivendicato un trattamento sostenibile e soprattutto equivalenente a quello adottato nei confronti di altre popolazioni colpite in passato dal terremoto.

GIOVANARDI, ANDATE A LAVORARE Invece da alcune frange della stampa e da alcuni esponenti politici arrivano solo accuse come quelle di Carlo Giovanardi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alle politiche familiari, secondo il quale «Se i suddetti capopopolo (il sindaco Cialente e l'ex Presidente della Provincia Pezzopane ndr) se ne stessero all'Aquila a lavorare per la ricostruzione sicuramente non dovremmo registrare questi vergognosi incredibili ritardi per la realizzazione di strutture che per loro responsabilita' sono ancora totalmente al palo».

EMILIO FEDE, AGGREDITE LE FORZE DI POLIZIA Davvero divertente, se non fosse che è tutto vero, l'interpretazione di Emilio Fede, direttore del Tg4 «E' legittimo manifestare ma non in modo violento come hanno fatto gli aquilani» - ha sostenuto il giornalista - «Le ferite del terremoto sono state quasi tutte sanate dall'impegno del governo e a Roma si è assistito ad azioni violente attuate dalla popolazione aquilana che ha aggredito le forze dell'ordine».

PER IL TG1, LA NOTIZIA DEGLI SCONTRI E' DEGNA DI ESSERE COLLOCATA AL 16° SERVIZIO
"Ha ragione Berlusconi. Ieri sulla manifestazione dei terremotati dell'Aquila sono state fatte delle strumentalizzazioni. Una su tutte quella del direttore del TG1 Minzolini che, nell'edizione delle 13.30, dopo essersi dimenticato che nell'aula di Montecitorio un deputato dell'opposizione era stato preso a pugni da colleghi della maggioranza, alle 13.47, poco prima delle notizie sui Mondiali, ha pensato bene di mandare in onda il resoconto della manifestazione degli aquilani nel corso della quale c'erano stati feriti e contusi nel centro di Roma". Lo sottolinea il senatore Vincenzo Vita (PD), che prosegue: "Li' per li' ho creduto che si trattasse di un ritardo dovuto a semplice sciatteria professionale, ma poi, osservando il servizio in cui si dava conto di un'inesistente contestazione al segretario del PD Bersani da parte dei manifestanti, ho capito di che cosa realmente si trattasse, di una vera e propria strumentalizzazione. Bravo Berlusconi, questa volta il premier ha ragione".

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it