Iscriviti OnLine
 

Pescara, 22/01/2021
Visitatore n. 701.870



Data: 22/07/2010
Settore:
Trasporto pubblico locale
TAGLI AI TRASPORTI, SI ESTENDE LA PROTESTA IN TUTTA ITALIA - Presidi e manifestazioni dei sindacati contro la manovra che mette a rischio il sistema del trasporto pubblico - rassegna stampa - Errani conferma: «Manovra insostenibile» (guarda il video)

Il Parlamento si appresta ad approvare anche alla Camera la manovra economica mentre le Regioni confermano all'unanimità il parere decisamente negativo. L'insostenibilità dei tagli annunciati dal Governo è stata ribadita dal presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome Vasco Errani secondo il quale «I tagli pesanti che ci sono sui servizi e sulle imprese avranno conseguenze molto negative» (guarda il video). Non è un caso che le Regioni, mostrandosi compatte nel formulare il parere negativo alla manovra, hanno ribadito la necessità «di un tavolo con il governo con l'obiettivo di cambiare i pesi qualitativi e quantitativi della manovra per quanto riguarda le regioni».

Intanto la preoccupazione e la protesta comincia ad estendersi a macchia d'olio su tutto il territorio nazionale anche se, a mostrare fattivamente e con atti concreti questo dissenso, è solo ed unicamente la Cgil. Dopo la mobilitazione organizzata congiuntamente da Cgil e Filt Abruzzo con gazebo e punti informativi dislocati nelle principali stazioni ferroviarie della regione, un'analoga iniziativa è stata infatti programmata e portata a termine nei giorni scorsi dalla Filt Cgil Lombardia (guarda) e che si è conclusa con un sit in di protesta sotto gli studi della RAI in C.so Sempione a Milano.

La mobilitazione in Lombardia di denuncia dei tagli della Finanziaria al Trasporto Pubblico Locale, ha interessato la totalità delle province attraverso presidi e volantinaggi informativi tenutesi a Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Monza, Sondrio, Varese e Pavia. Da alcune verifiche predisposte dalla Filt Cgil, i tagli della manovra finanziaria riguarderanno, solo in Lombardia, più del 50% delle risorse che negli anni passati venivano destinati al trasporto urbano ed extraurbano.
«La mobilitazione - assicura il Segretario della Filt Lombardia Nino Cortorillo (nella foto durante la giornata di mobilitazione) - proseguirà anche nei prossimi mesi poichè la manovra finanziaria, a partire dal 1 Gennaio 2011, colpirà le fasce più deboli della popolazione, in primis bambini e anziani. Tutto questo - continua Cortorillo - mentre si continua a vagheggiare su costruzioni di metropolitane fantasma. Ci chiediamo francamente - insiste il Segretario della Filt Cgil Lobardia - dove saranno reperite le risorse necessarie per realizzare opere che con i tagli prospettati rimarranno solo nelle fantasie di chi le promette. Le dichiarazioni delle organizzazioni datoriali e degli Enti locali testimoniano di una consapevolezza del settore a proposito della gravità della manovra che metterà a rischio la presenza di mezzi di trasporto in intere fasce orarie della giornata» - ha concluso Nino Cortorillo.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it