Iscriviti OnLine
 

Pescara, 08/12/2019
Visitatore n. 684.643



Data: 15/10/2011
Settore:
Anas
ANAS: CENTINAIA DI LAVORATORI A ROMA CONTRO GLI EFFETTI DELLA MANOVRA - Il Ministero assume impegni sul blocco delle assunzioni, sulle risorse e per favorire un chiaro coinvolgimento del sindacato - Preleva il comunicato unitario

L'importante iniziativa unitaria che ha portato centinaia di lavoratori e lavoratrici dell’Anas a Roma sotto il Ministero delle Infrastrutture, ha permesso alle scriventi Organizzazioni sindacali di essere ricevute dal Capo Dipartimento delle Infrastrutture del Dicastero. Il Ministero, a seguito dell’esposizione dei gravi problemi che si sono acuiti negli ultimi mesi e che pesano fortemente sulle spalle dei dipendenti dell’Anas a partire dalla Manovra Finanziaria dello scorso anno, sino ad arrivare alle incertezze scaturite per effetto del Decreto legge 98/2011, riconoscendo la rilevanza dei temi correlati alla sicurezza stradale, alla tutela da attivarsi nei confronti del lavoro e alla valorizzazione del ruolo stesso dell’Anas ha assunto i seguenti impegni:


a) ha dichiarato la necessità di intervenire immediatamente con appositi emendamenti correttivi dei provvedimenti già emanati sia in merito al blocco delle assunzioni previsto dal DL 78/2010, considerando che esso potrà incidere negativamente anche sulle attività stagionali e sui costi più complessivi di gestione, sia per correggere alcune evidenti storture presenti nel progetto di riordino recentemente varato;


b) ha riconosciuto l’importanza che all’Anas debbano essere veicolate risorse certe per attuare i necessari interventi a favore della manutenzione e che possa mantenere il proprio patrimonio azionario anche a garanzia del proprio funzionamento


c) ha concordato di istituire un tavolo, anche congiuntamente ai vertici dell’Anas, finalizzato ad un coinvolgimento del sindacato nelle eventuali fasi di riordino della Società e di trasferimento del personale, al fine di assicurare, tra l'altro, il proseguimento di tutte le attività lavorative dell’Ivca. Più in particolare, in merito al DPR 1126/81, il rappresentante del Ministero ha assunto l’impegno ad attivare i necessari approfondimenti tesi al superamento dei problemi che dall’applicazione di esso, oggi più che mai, derivano per i lavoratori.


Pur nella consapevolezza che il quadro politico ed economico in cui si trova il nostro Paese non è certamente rassicurante, le scriventi Organizzazioni sindacali vigileranno affinchè gli impegni assunti siano tutti rispettati, a partire da una lettura approfondita del decreto sviluppo in via di elaborazione da parte del Governo e per l’emanazione del quale è direttamente impegnato proprio il il Ministro delle Infrastrutture.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it