Iscriviti OnLine
 

Pescara, 19/10/2020
Visitatore n. 697.677



Data: 17/11/2011
Settore:
Politica interna
MONTI OTTIENE LA FIDUCIA CON UN AMPIO CONSENSO - Cgil: "L'equità fiscale passa attraverso l'introduzione di una tassa sul patrimonio e le grandi ricchezze" - Tutti i ministri - Ecco il programma del Governo punto per punto

Dopo il Senato anche la Camera promuove Monti, poche critiche. Le forze politiche in Parlamento promuovono il discorso di Monti. Come previsto le reazioni sono principalmente positive, malgrado alcuni distinguo. Alla fine solo la Lega non voterà la fiducia, gli altri partiti diranno sì al governo tecnico. L'Idv vota la fiducia ma non entra nella maggioranza.

CGIL: «APPREZZAMENTO PER L'INVERSIONE DI TENDENZA SUI TEMI DELLA LEGALITA'» - Dal discorso del presidente del Consiglio al Senato, la CGIL ha espresso apprezzamento per "l'inversione di tendenza" rispetto al governo precedente sui temi della legalità, ora discontinuità anche sui temi del lavoro.
La CGIL, come si legge in una nota della Segreteria Nazionale, "ha apprezzato nel discorso del Presidente Monti al Senato il forte senso delle Istituzioni, la valorizzazione dello Stato e delle sue articolazioni a tutti i livelli".

«L'EQUITÀ FISCALE PASSA ATTRAVERSO L'INTRODUZIONE DI UNA TASSA SUL PATRIMONIO E LE GRANDI RICCHEZZE» - Gli obiettivi delineati, secondo la Confederazione, "danno il senso di una inversione di tendenza rispetto all'impostazione del Governo precedente sul fronte del contrasto all'economia illegale e al ripristino di politiche volte alla trasparenza e alla lotta all'evasione come elemento fondamentale del progresso civile e sociale del Paese. Tuttavia riteniamo che l'equità fiscale si deve realizzare a partire dall'introduzione di una tassa sul patrimonio e le grandi ricchezze, che l'alta pressione fiscale sul lavoro e le pensioni non possa essere nuovamente aggravata dalla reintroduzione della tassa sulla prima casa. È necessario introdurre un più solido ed esplicito criterio di equità su cui fondare un nuovo patto di cittadinanza. La necessità di abbassare le tasse sul lavoro e sulle imprese, condizione indispensabile per la crescita, può trovare in un confronto, che chiediamo, sulla delega su fisco e assistenza prime risposte".

Il Presidente del Consiglio nel suo discorso programmatico, prosegue la Segreteria Nazionale della CGIL, "ha assunto l'impegno al confronto con le parti sociali sui temi del mercato del lavoro. Questo impegno deve tradursi in una vera disponibilità alla discontinuità dalle politiche del governo precedente, affermando la riduzione della precarietà ed il riconoscimento dei diritti. Ci appare improprio e ingiusto sostenere che ci siano troppe tutele per una parte del mercato del lavoro, mentre è importante l'affermazione sulla necessità di ammortizzatori equi con lo sguardo rivolto ai giovani. Analogo impegno ci attendiamo dal Governo sui temi della previdenza e dello stato sociale. L'interessante approccio tenuto dal professor Monti sull'istruzione registra una vera svolta culturale che riconosce importanza strategica al sistema della conoscenza e dopo anni di vilipendio ne propone la valorizzazione e la funzione essenziale per la crescita e l'innovazione".

La CGIL convoca, per il prossimo 3 dicembre, un'Assemblea straordinaria di oltre 15mila delegati sulla necessità, spiega la nota, "di fondare la crescita del Paese sul lavoro e sui giovani. In quella sede rilanceremo le proposte della CGIL e la continuità dell'iniziativa".

I componenti dell'esecutivo:

MINISTRI CON PORTAFOGLIO(12)

Mario Monti - Economia (interim)
Giulio Terzi di Sant'Agata - Esteri
Anna Maria Cancellieri - Interni
Paola Severino - Giustizia
Gianpaoalo di Paola - Difesa
Corrado Passera - Sviluppo economico, infrastrutture e trasporti
Mario Catania - Agricoltura
Mario Clini - Ambiente
Elsa Fornero - Lavoro e politiche sociali
Renato Balduzzi - Salute
Francesco Profumo - Università e Istruzione
Lorenzo Ornaghi - Cultura

MINISTRI SENZA PORTAFOGLIO(5)

I Ministri senza portafoglio saranno: Enzo Moavero Milanesi, Piero Gnudi, Fabrizio Barca, Piero Giarda e Fabrizio Riccardi.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it