Iscriviti OnLine
 

Pescara, 26/01/2021
Visitatore n. 702.073



Data: 20/06/2012
Settore:
Trasporto pubblico locale
CONVOCATA PER DOMENICA 24 GIUGNO L'ASSEMBLEA DEI DELEGATI E DEI LAVORATORI DEL TPL ABRUZZO - TPL tra riorganizzazione e liberalizzazione. Quali tutele per i lavoratori del settore? Quali garanzie per i servizi ai cittadini? - Preleva la locandina - Preleva il comunicato unitario - Rassegna stampa

Domenica 24 giugno 2012 alle ore 9,30 presso l'Hotel Serena Majestic Montesilvano (PE) è convocata l'assemblea dei delegati e dei lavoratori abruzzesi del trasporto pubblico locale. Il tema dell'assemblea alla quale i sindacati regionali auspicano che possa partecipare un nutrito numero di lavoratori verterà sulla riorganizzazione e sulla liberalizzazione in atto nel settore del trasporto locale.

Questo fondamentale momento di confronto e di dibattito avviene infatti in prossimità di importanti impegni istituzionali previsti per il 30 giugno 2012.

• presentazione al Consiglio Regionale del progetto di riordino delle partecipazioni della Regione Abruzzo nelle aziende di Trasporto Pubblico Locale.
• definizione bacino per gare affidamento dei servizi.

Ma le improvvise recenti dichiarazioni esternate dal Presidente Chiodi, ci si augura solo per ammorbidire una certa platea, se confermate, potrebbero rimettere in discussione analisi ed approfondimenti frutto di ore ed ore di comune impegno e di analisi condivise in tavoli tecnici con lo stesso competente Assessorato della Regione.

L'Abruzzo non evidenzia particolari differenze socio economiche rispetto alle Regioni che si sono, sapientemente, già avviate in percorsi di aggregazioni societarie e riorganizzazione del sistema dei trasporti ferro-gomma, determinando la nascita di forti realtà societarie, a dimensione regionale, capaci sia di reggere la concorrenza che di erogare servizi con economicità ed efficienza.

La nostra Regione, con una realtà fatta di territori disagiati e poche limitate aree costiere ove l'esercizio mostra segni di maggiore vivacità, necessita ancor di più di questo modello organizzativo.

Per questo ribadiamo che la migliore riforma del settore del trasporto pubblico d'Abruzzo è costituita dalla nascita di una forte concreta ed efficiente Azienda Unica dei trasporti, integrata in prospettiva ferro-gomma, che trovi anche i giusti punti di collaborazione con il mondo dell'imprenditoria privata del settore opportunamente riorganizzata.

FILT CGIL FIT CISL UILTRASPORTI FAISA CISAL UGL TRASPORTI :

• contrastano l'idea di suddividere il territorio in più bacini perché non produce alcuna ricaduta positiva in termini di efficienza ed economicità del servizio e, paradossalmente, avrebbe il solo effetto di creare una serie di “feudi”.
• difendono decisamente la volontà della creazione di un sistema di mobilità, efficace e garantito per l’intero territorio regionale ed integrato tra le diverse tipologie modali,
• pretendono che la garanzia dei diritti dei lavoratori, pubblici e privati, sia alla base di ogni progettualità di riforma,
• si dichiarano pronti a discutere per predisporsi alle sfide che l'apertura al mercato e la crisi pretendono, ma nel rispetto però di interessi universali.
• difendono le spiccate professionalità dei dipendenti nelle aziende pubbliche e private ed il know-how frutto di anni di esperienze sul territorio e tra la gente d'Abruzzo, avendo a riferimento un modello occupazionale stabile e regolato.

Il 24 giugno 2012 tutti i lavoratori del trasporto pubblico locale d'Abruzzo sono chiamati a riunirsi in assemblea presso l’Hotel Serena Majestic di Montesilvano (PE) alle ore 9,30 per difendere il proprio futuro anche attraverso la mobilitazione regionale dell’intero comparto.


www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it