Iscriviti OnLine
 

Pescara, 08/12/2019
Visitatore n. 684.643



Data: 17/01/2007
Settore:
Trasporto aereo
VERTENZA ALITALIA - Filt-Cgil, Fit-Cisl, Ugl TA e Sdl sospendono lo sciopero proclamato per venerdě 19 gennaio. Solari (Filt Cgil): «Senza Cda ora intervenga Governo»

Filt-Cgil, Fit-Cisl, Ugl TA e Sdl hanno formalizzato la sospensione dello sciopero di tutti i dipendenti di Alitalia, proclamato per venerdì 19 gennaio. La formalizzazione della sospensione dello sciopero, con differimento ad altra data, è avvunuta dopo che le organizzazioni sindacali hanno ricevuto la lettera di convocazione annunciata ieri dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Enrico Letta. Le segreterie nazionali delle organizzazioni di categoria Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl, Sdl, Unione piloti, Anpav, Anpac, Avia, recita la lettera firmata oltre che da Letta anche dal ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi, sono state invitate a intervenire il primo febbraio prossimo, alle ore 17, a Palazzo Chigi per compiere una ''ricognizione sullo stato di avanzamento della privatizzazione di Alitalia''. La lettera e' stata inviata anche al ministro dell'Economia e delle Finanze, Tommaso Padoa-Schioppa, e al ministro del Lavoro, Cesare Damiano. 
Solari (Filt Cgil): «Senza Cda ora intervenga Governo»
Con le dimissioni di Jean Cyril Spinetta e' decaduto il consiglio di amministrazione dell'Alitalia e l'aviolinea e' praticamente allo sbando. A questo punto e' necessario un immediato intervento del governo per fare chiarezza sul futuro dell 'Alitalia, intervento che richiedono i lavoratori ma anche i potenziali acquirenti. E' quanto ha detto all'Agi il segretario generale della Filt-Cgil, Fabrizio Solari, nel sottolineare che il sindacato, come ulteriore atto di responsabilita', si accinge a differire lo sciopero del 19 gennaio. "Con le dimissioni di Spinetta - sono parole del dirigente della Cgil - e' di fatto, decaduto l'intero Consiglio di amministrazione e l'azienda e' stata decapitata, ed e' allo sbando. E questa novita' - aggiunge Solari - aggrava ulteriormente uno scenario fortemente compromesso. Ancora una volta bisogna chiamare in causa l'azionista pubblico che non puo' trincerarsi dietro l'alibi della trasparenza per i mercati e deve dire chiaramente cosa vuol fare dell'Alitalia e del trasporto aereo. Anche alla luce di questi fatti - smentendo quanto si dice dei sindacati - noi ribadiamo il nostro obiettivo di salvare l'Alitalia e, ad ulteriore testimonianza di cio', stiamo consultando le strutture per differire lo sciopero gia' proclamato per il 19 gennaio". I prossimi giorni - sottolinea il leader della Filt - "non possono passare invano perche' i lavoratori, ma anche i mercati e i possibili acquirenti, hanno un sacrosanto diritto alla chiarezza". E nel ricordare che ovunque nel mondo, di fronte a grandi ristrutturazioni di compagnie aeree il sindacato e' stato un interlocutore fondamentale, Solari ribadisce che i rappresentanti dei lavoratori "sono pronti a fare la loro parte per il risanamento e il rilancio dell'Alitalia".


 






www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it