Iscriviti OnLine
 

Pescara, 21/10/2020
Visitatore n. 697.916



Data: 17/01/2013
Settore:
Dip. Trasp. Pers. Terra
CCNL TRASPORTO LOCALE. AL CENTRO DEGLI INCONTRI GLI EFFETTI DEL DPCM DI PROSSIMA EMANAZIONE - Nessuna sostanziale novitÓ sui temi del contratto. Nuovo incontro per il 21 gennaio - Le proposte datoriali - Rassegna stampa - Legge di stabilita: gli articoli sui trasporti

CCNL Mobilità/Trasporto Pubblico Locale. Si è svolto nella mattinata di martedì 15, il nuovo incontro presso il Ministero del Lavoro nell'ambito del percorso di confronto sul trasporto locale e sul rinnovo del CCNL. Nell'occasione, il Ministero di Infrastrutture e Trasporti ha illustrato lo stato di avanzamento dell'elaborazione del DPCM che, in attuazione della Legge di Stabilità 2013 (comma 301), deve definire i nuovi criteri di ripartizione tra le Regioni delle risorse destinate al settore. Il Ministero ha elaborato una prima bozza, inviata nei giorni scorsi al Ministero dell'Economia, mentre non è ancora programmata la riunione della Conferenza Stato-Regioni che, in base alla Legge di Stabilità, deve approvare il DPCM. L'illustrazione svolta dal Ministero di Infrastrutture e Trasporti delinea una maggiore gradualità nell'attuazione dei criteri introdotti dalla Legge, mentre pare assunto l'orientamento a portare dal 60 al 90% la quota di risorse da anticipare ad inizio anno alle Regioni con conguaglio all'inizio del secondo semestre di ogni anno, da quantificare rispetto al livello di conseguimento degli obiettivi assegnati, che passerebbe, quindi, dal 40 al 10%. La rappresentanza delle Regioni è tornata a ribadire i motivi di dissenso che tuttora permangono sugli elementi quantitativi e sulle nuove modalità di finanziamento decisi dal Parlamento, nonchè la complessità dell'ulteriore confronto da svolgere con il Governo per la preparazione del DPCM. In particolare, da parte sindacale è stata evidenziata la necessità, segnalata dalla Conferenza delle Regioni, di dare al DPCM una struttura attuativa dei nuovi criteri adeguata in termini di dimensione di riferimento (regionale e per l'intero relativo sistema di trasporto locale), di indici di efficientamento (cin progressività più accentuata a partire dalle situazioni attualmente meno efficienti) e di temporizzazione (l'intero arco triennale attualmente coperto dal finanziamento contenuto nella Legge di Stabilità). Su proposta della delegazione governativa, ed in attesa di conoscere il programma dei prossimi passaggi istituzionali per la definizione del DPCM, è stato fissato un nuovo incontro di aggiornamento in sede governativa su questi temi per il prossimo 25 gennaio, mentre nei prossimi giorni potrebbero tenersi ulteriori incontri per accompagnare detta elaborazione. Nel pomeriggio, in sede Asstra, è invece proseguito il confronto sulle tematiche contrattuali. Come deciso in sede ministeriale l'8 gennaio e dopo avere verificato il giorno 9 un possibile attestamento condiviso in tema di permessi ex legge 104/92 (corrispondente all'art. 33 dell'indice definito nel verbale di incontro del 7 dicembre scorso), l'incontro di martedì, preceduto da un altro il giorno 7, malgrado protrattosi fino a tardissima ora, non ha prodotto avanzamenti in tema di patente di guida (art. 34 dell'indice) e coperture assicurative e danni (art. 35 dell'indice). Un nuovo incontro, ancora in sede datoriale, è programmato per il prossimo 21 gennaio, mentre per il pomeriggio dello stesso giorno il Governo ha convocato le parti per una verifica sullo stato di avanzamento del negoziato contrattuale.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it