Iscriviti OnLine
 

Pescara, 27/10/2020
Visitatore n. 698.112



Data: 22/02/2007
Settore:
Politica interna
CRISI DI GOVERNO, PRODI DETTA LE REGOLE - Fissati 12 punti programmatici. Sì alla Tav e alle liberalizzazioni. Niente Dico

Dopo l'umiliazione subita al Senato e dopo 281 giorni di passione alla guida del Governo, Romano Prodi ha deciso di alzare la voce ponendo le proprie insindacabili condizioni per guidare ancora l'Esecutivo. In un documento approvato all'unanimità da tutti i leader del centrosinistra, Prodi ha fissato in 12 punti quelli che saranno gli impegni programmatici in caso di eventuale conferma del mandato. Il primo punto, e non poteva essere altrimenti visto che proprio sulla politica estera il Governo è stato battuto, ribadisce gli impegni internazionali del Governo in ambito Onu. Tra i 12 obiettivi c'è anche la realizzazione della Tav Torino Lione e un convinto sostegno al processo di liberalizzazioni avviato dal Ministro Bersani, mentre non c'è traccia dei Dico che evidentemente diventano materia di ambito parlamentare.
Questi i punti programmatici approvati:

1. «Rispetto degli impegni internazionali e di pace. Sostegno costante alle iniziative di politica estera e di difesa stabilite in ambito Onu ed ai nostri impegni internazionali, derivanti dall'appartenenza all'Unione Europea e all'Alleanza Atlantica, con riferimento anche al nostro attuale impegno nella missione in Afghanistan. Una incisiva azione per il sostegno e la valorizzazione del patrimonio rappresentato dalle comunità italiane all'estero».

2. «Impegno forte per la cultura, scuola, università, ricerca e innovazione».


3. «Rapida attuazione del piano infrastrutturale e in particolare ai corridoi europei (compresa la Torino-Lione). Impegno sulla mobilità sostenibile».


4. «Programma per l'efficienza e la diversificazione delle fonti energetiche: fonti rinnovabili e localizzazione e realizzazione rigassificatori».


5. «Prosecuzione dell'azione di liberalizzazioni e di tutela del cittadino consumatore nell'ambito dei servizi e delle professioni».


6. «Attenzione permanente e impegno concreto a favore del Mezzogiorno, a partire dalla sicurezza».

7. «Azione concreta e immediata di riduzione significativa della spesa pubblica e della spesa legata alle attività politiche e istituzionali (costi della politica)».


8. «Riordino del sistema previdenziale con grande attenzione alle compatibilità finanziarie e privilegiando le pensioni basse e i giovani. Con l'impegno a reperire una quota delle risorse necessarie attraverso una razionalizzazione della spesa che passa attraverso anche l'unificazione degli enti previdenziali».


9. «Rilancio delle politiche a sostegno della famiglia attraverso l'estensione universale di assegni familiari più corposi e un piano concreto di aumento significativo degli asili nido».


10. «Rapida soluzione della incompatibilità tra incarichi, di governo e parlamentari, secondo le modalità già concordate».


11. «Il portavoce del presidente, al fine di dare maggiore coerenza alla comunicazione, assume il ruolo di portavoce dell'esecutivo».


12. «In coerenza con tale principio, per assicurare piena efficacia all'azione di governo, al presidente del Consiglio è riconosciuta l'autorità di esprimere in maniera unitaria la posizione del governo stesso in caso di contrasto».

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it