Iscriviti OnLine
 

Pescara, 19/01/2021
Visitatore n. 701.766



Data: 02/12/2004
Settore:
Trasporto pubblico locale
Sciopero TPL. Sindacati di base, adesioni sciopero al 40%. Filt Cgil, scarsa adesione a sciopero

Trasporto locale: sindacati base, adesione sciopero al 40%
Un'adesione del 40% a Roma e a Milano, con punte di astensione fino al 73% a Livorno. Il coordinamento nazionale dei sindacati di base - che riunisce Sult/Tpl, Cobas e Cub Fltu-rb - cita i dati sul sciopero di oggi per dimostrare che ''ai tranvieri italiani il contratto sottoscritto dalle organizzazioni concertative il 18 Novembre non piace''. Il coordinamento sottolinea come ''nonostante le condizioni venutesi a creare non fossero delle migliori per la quasi concomitanza dello sciopero generale di ieri, che ha compreso anche i lavoratori del trasporto pubblico locale, e nonostante la massiccia opera di disinformazione con cui i sindacalisti concertativi in questi giorni hanno cercato di 'coprire' le 'malefatte' del loro contratto, i lavoratori stanno reagendo con forza e determinazione''. Secondo i dati dei sindacati di base, le adesioni sono state del 40% a Roma, dove le metropolitane erano chiuse, del 73% a Livorno, del 67% a Bologna, del 41% a Milano, del 33 % a Firenze, del 41% a Trieste, del 33% a Gorizia, del 29% a Udine, del 45% a Imola, del 32% a Venezia, del 31% a Genova. ''Ancora una volta - conclude il coordinamento in una nota - gli autoferrotranvieri italiani sono costretti a mobilitarsi contro un accordo 'a perdere' firmato da chi, ormai, rappresenta sicuramente tanti interessi, tranne che quelli dei lavoratori''

Trasporto locale, Filt: scarsa adesione a sciopero
“La grande adesione dei lavoratori del trasporto pubblico locale allo sciopero di ieri e la scarsissima adesione, di gran lunga inferiore a quella di altre volte, allo sciopero di oggi - afferma Franco Nasso, segretario nazionale Filt/Cgil - dimostrano quanto siano condivise dagli autoferrotranviari le ragioni dello sciopero generale di ieri promosso da Cgil, Cisl e Uil e il consenso sul contratto collettivo nazionale di lavoro, appena rinnovato. Consenso che sono sicuro troverà conferma nel risultato del referendum fra i lavoratori sul contratto che si svolgerà dal 6 al 10 dicembre – conclude Nasso ”.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it