Iscriviti OnLine
 

Pescara, 16/01/2021
Visitatore n. 701.635



Data: 06/04/2005
Settore:
Cgil
Epifani, voto amministrativo chiede cambiamento

Il risultato delle elezioni regionali esprime in maniera netta una 'indicazione di malessere e di scontento nei confronti delle scelte politiche della maggioranza di governo'. A dirlo è il segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani: 'Il voto conferma e rafforza le ragioni e le motivazioni che la Cgil ha avanzato nei confronti di tutti gli aspetti delle politiche del governo, da quelli economici a quelli fiscali, da quelli sociali a quelli istituzionali. In modo particolare, una maggioranza rilevante del paese si è espressa contro una politica di divisione sociale e istituzionale, come dimostra il voto del Mezzogiorno, delle grandi città e di una parte consistente del nord'. Continua Epifani: 'Il voto esprime, insieme, una critica all'assenza di politiche per lo sviluppo, prime fra tutte nel Mezzogiorno, e della qualità dell'occupazione. Si legge nel voto il disagio di una parte dell'impresa e la richiesta di cambiamento espressa da giovani, anziani e lavoratori'. Secondo Epifani 'toccherebbe al governo trarre le ovvie conclusioni, ma questo significherebbe il cambiamento totale delle politiche fin qui seguite: arrestare la riforma istituzionale, rilanciare una politica a sostegno degli investimenti e della ricerca, restituire valore alle pensioni, rinnovare rapidamente i contratti pubblici, a partire da quello della scuola e del pubblico impiego, restituire in maniera permanente il drenaggio fiscale ai lavoratori dipendenti'. Il leader della Cgil sottolinea che 'anche i rilievi mossi da Bruxelles alla situazione della finanza pubblica italiana confermano le valutazioni e le preoccupazioni espresse dalla Cgil al governo. A pochi mesi dalla preparazione del Dpef e della nuova legge Finanziaria tutto questo vuol dire che non si può tenere assieme quello che assieme non sta, in materia di politiche fiscali, di priorità sociali, di qualificazione della spesa pubblica, di rilancio degli investimenti e di una politica di attenzione ai saldi della finanza pubblica. Il voto di ieri esprime una domanda di radicale cambiamento e di rispetto per il ruolo e le proposte del sindacato'.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it