Iscriviti OnLine
 

Pescara, 19/01/2020
Visitatore n. 686.150



Data: 03/05/2006
Settore:
Trasporto pubblico locale
file allegato: La dichiarazione di sciopero
TRASPORTO LOCALE - La protesta non si ferma, sciopero di 24 ore per il 19/5


 

FILT-CGIL      FIT-CISL      UILTRASPORTI

Segreterie Nazionali

 

 PIENO SUCCESSO DELLO SCIOPERO DEL 28 APRILE

 


 


 NUOVO SCIOPERO NAZIONALE DI 24 ORE PER IL 19 MAGGIO 2006



 

Nuovo stop di tutti i dipendenti delle aziende di trasporto pubblico locale (autobus, tram e metropolitane) il prossimo 19 maggio. Lo sciopero, questa volta di 24 ore, segue quello di otto ore del 28 aprile e quello di otto ore del 6 marzo. Al centro della protesta, proclamata dalle organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, la vertenza per il rinnovo del biennio economico del contratto collettivo nazionale di lavoro (2006 - 2007). Le modalità dello sciopero saranno definite a livello locale con la salvaguardia delle fasce orarie previste dalla legge. Le organizzazioni sindacali, considerato l’andamento dell’inflazione e la necessità di tutelare il reddito delle lavoratrici e dei lavoratori della categoria, chiedono una rivalutazione del 6% delle retribuzioni, pari ad un valore, a parametro medio, di 111,00 euro mensili lordi. Le controparti datoriali, Asstra e Anav, dopo aver richiamato le ben note difficoltà economiche delle aziende, dovute ai mancati adeguamenti dei trasferimenti di risorse destinate al trasporto pubblico locale e ai tagli previsti dall’ultima legge finanziaria, hanno ribadito la loro indisponibilità a proseguire la trattativa. Per il segretario nazionale della Filt Cgil, Franco Nasso, “nonostante lo sciopero nazionale del 28 aprile abbia registrato un’adesione superiore al 95%, non vi sono stati segnali positivi dalle controparti. I lavoratori e le lavoratrici del trasporto pubblico locale hanno diritto al rinnovo del contratto, pertanto il confronto non è più rinviabile. Asstra e Anav devono riaprire il tavolo delle trattative senza più pregiudiziali, richiamando le aziende alle loro responsabilità. Senza un accordo in tempi brevi sarà inevitabile un inasprimento della lotta. Le organizzazioni sindacali - conclude Nasso - hanno denunciato da tempo la grave situazione al governo e agli enti locali perché intervengano, per quanto di loro competenza, per evitare che l’inerzia delle aziende si scarichi esclusivamente sulle spalle degli autoferrotranvieri e che il conseguente conflitto provochi gravi disagi ai cittadini che invece potrebbero essere evitati”.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it