Iscriviti OnLine
 

Pescara, 20/04/2024
Visitatore n. 736.237



Data: 10/05/2007
Settore:
Trasporto pubblico locale
FILOVIA, CHE FIGURACCIA! SALTA LA FIRMA DEL CONTRATTO - Problemi tecnici e defezioni politiche alla base del rinvio. Renzetti «Il veto di Rifondazione non mi preoccupa. Il CdA è composto da cinque membri e decide a maggioranza» - Rassegna stampa

Gaffe internazionale clamorosa. Può essere sintetizzato in questo modo quanto accaduto nella giornata riservata alla firma contrattuale tra la Gestione Trasporti Metropolitani di Pescara e la 'Balfour Beatty Rail' per la realizzazione del primo tratto di filovia Pescara-Montesilvano. Dopo anni di accese discussioni, quando sembrava che potesse decollare ufficilamente il primo lotto della filovia tra Pescara e Montesilvano, sono improvvisamente spuntate fuori alcune questioni di natura amministrativa e procedurale che hanno impedito la firma del contratto.
Getta acqua sul fuoco il presidente della Gtm Donato Renzetti (nella foto) che parla di problemi esclusivamente di natura burocratica smentendo le più complesse questioni di natura politica presenti all'interno del Consiglio di Amministrazione dove il consigliere D'Innocente è stato "invitato" dal proprio partito a porre il veto, contribuendo a far mancare il numero legale nella riunione decisiva del CdA per il via libera alla firma.
Renzetti tuttavia minimizza: «Il presunto veto di Rifondazione non mi preoccupa. E comunque, il cda è composto da cinque membri e decide a maggioranza». Resta comunque la pessima figura internazionale con gli imprenditori della 'Balfour Beatty Rail' giunti da Londra e dall'Olanda e costretti a tornarsene a casa a mani vuote.

RASSEGNA STAMPA - "Il centro"

RASSEGNA STAMPA - "Il Messaggero"

RASSEGNA STAMPA - "Il Tempo"

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it