Iscriviti OnLine
 

Pescara, 20/01/2021
Visitatore n. 701.799



Data: 26/01/2016
Settore:
Trasporto pubblico locale
TUA: ANCHE PER I DIRIGENTI SCATTANO LE RAZIONALIZZAZIONI. RETRIBUZIONI RIDOTTE ED ALLINEATE AI DIRIGENTI DELLA REGIONE ABRUZZO - E da gennaio stop agli ad personam attribuiti ai quadri aziendali dai cda decaduti. Dal 1° gennaio aboliti i gettoni di presenza in occasione dei bandi di gara - Preleva il verbale del 25 gennaio 2016 - Preleva il contratto aziendale del 26 ottobre 2015 - Rassegna stampa

Seduta fiume ieri in regione Abruzzo per affrontare alcune tematiche rilevanti inerenti il trasporto pubblico locale oggetto della richiesta di convocazione inoltrata dalle segreterie confederali e di categoria di Cgil, Cisl, Uil e Cisal. Nella mattinata l'assessore alla programmazione economica Paolucci, alla presenza del consigliere delegato ai trasporti D'Alessandro e al Presidente di Tua D'Amico, ha illustrato ai sindacati la situazione finanziaria del settore, confermando il parziale ripristino di 5 mln€ nel fondo regionale per l'anno 2015 mentre per il 2016 occorrerà attendere gli sviluppi derivanti dall'estensione dell'ammortamento del disavanzo pregresso da 7 a 10 anni, operazione che potrebbe consentire di reperire ulteriori risorse assolutamente indispensabili, come ribadito dalle segreterie sindacali, per assicurare adeguati livelli quali-quantitativi dei servizi. Infatti per l'esercizio in corso, le aziende pubbliche e private presenti in regione, dovranno fare i conti oltre che con le minori risorse previste per il citato fondo regionale, anche con la penalità di 8 mln€ sulla quota di ripartizione attribuita all'Abruzzo dal Fondo nazionale, inflitta alla nostra Regione a causa del mancato raggiungimento di alcuni obiettivi inerenti il periodo 2012/2014. In sostanza e a conti fatti, il mancato intervento della Regione determinerebbe un ammanco per il 2016 di oltre 15 milioni di euro per un settore che dovrà prendere in esame anche le ricadute economiche derivanti dal rinnovo del contratto collettivo che per la sola azienda unica incide per circa 3 mln€.
Nel pomeriggio la riunione è proseguita sulle questioni attinenti l'azienda regionale di trasporto alla presenza dei soli rappresentanti aziendali e delle segreterie regionali di categoria. Sono stati affrontati tutti i temi oggetto di una nota sindacale unitaria con la quale le oo.ss. avevano rappresentato inaccettabili ritardi ed interpretazioni nell'applicazione del contratto aziendale siglato lo scorso 26 ottobre.
Rispetto alle osservazioni sindacali, l'azienda, nel ribadire la progressiva realizzazione di quanto definito nel piano industriale e nel contratto aziendale, si è riservata di convocare incontri periodici con i sindacati per monitorare le azioni intraprese.
AZZERATI I TRATTAMENTI AD PERSONAM E I GETTONI DI PRESENZA PER LE COMMISSIONI DI GARA - Nel frattempo sono stati finalmente definiti alcuni impegni sino a ieri disattesi dall'azienda ovvero: la sospensione sin dal prossimo cedolino unificato di gennaio, dei trattamenti ad personam riconosciuti ai quadri aziendali a seguito di delibere aziendali dei consigli di amministrazione, decaduti con il processo di fusione; così come dal 1' gennaio saranno aboliti i gettoni di presenza corrisposti al personale interno incaricato durante il normale orario di lavoro, di rappresentare l'azienda nelle commissioni di gara.
ANCHE PER I DIRIGENTI SCATTANO LE RAZIONALIZZAZIONI DEI COMPENSI - Confermata inoltre la sensibile riduzione dei compensi riconosciuti al personale dirigente così come stabilito dall'accordo siglato con l'associazione di categoria Federmanager. Ciò significa che dal prossimo cedolino paga anche gli stipendi dei dirigenti Tua saranno oggetto di razionalizzazione rispetto a quanto percepito dai colleghi che prestano servizio nella Regione Abruzzo, in linea con i valori limite indicati dall'azionista ovvero 85 mln€ annui.
IMMINENTE IL TRASFERIMENTO DEGLI UFFICI DELLA DIREZIONE. SI ATTENDONO RISPOSTE PER LA CARENZA DEL PERSONALE MANUTENTIVO - Inoltre è stato ribadito l'imminente e progressivo trasferimento degli uffici della direzione nella sede di Pescara, confermando la volontà aziendale di chiudere la sede di via Asinio Herio e con essa di porre fine al costoso canone di affitto. Infine sulla carenza di personale di manutenzione, l'azienda assumerà decisioni in merito in occasione del prossimo Cda che si terrà in settimana. Ipotizzate comunque soluzioni che vanno dall'assunzione di nuovo personale alla mobilità interna.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it