Iscriviti OnLine
 

Pescara, 14/08/2020
Visitatore n. 694.901



Data: 21/03/2017
Settore:
Cgil Abruzzo
REFERENDUM SUL LAVORO. CGIL ABRUZZO: RISULTATI IMPORTANTI L'ABROGAZIONE DEI VOUCHER E IL RIPRISTINO DELLA RESPONSABILITA' SOLIDALE NEGLI APPALTI. ORA LA BATTAGLIA SULLA CARTA UNIVERSALE DEI DIRITTI DEL LAVORO - Rita Innocenzi: «Il Presidente di Confindustria piuttosto che soffermarsi sulla valenza dei voucher si attivi per rimuovere gli atti che impediscono nelle sue aziende il diritto alla maternità» - Preleva il volantino Cgil

Continua l'interlocuzione in tema di referendum su voucher e appalti attivata dalla Segreteria CGIL Abruzzo con i Parlamentari abruzzesi nell'ambito della campagna referendaria della Cgil che, ora, vede un primo risultato importante relativamente alla scelta del Governo di intervenire con un decreto legge che abroga, quindi cancella, l'attuale istituto dei voucher e ripristina la responsabilità solidale negli appalti.
Ieri mattina Sandro Del Fattore, Carmine Ranieri e Rita Innocenzi hanno incontrato a L'Aquila la Senatrice Stefania Pezzopane con la quale, peraltro, vi è un confronto costante anche rispetto ai temi della Ricostruzione. "Condivido l'iniziativa del Governo" ha dichiarato la Senatrice rispetto alla scelta di intervenire seguendo la strada dell'abrogazione aggiungendo come sia "necessario che la conversione in legge del decreto sia più rapida possibile. L'iniziativa del Governo" prosegue la Pezzopane "tende ad evitare ulteriori fratture nel Paese su un tema complesso che a mio avviso dovrà comunque essere ripreso con strumenti che evitino il ritornare nel lavoro nero in determinati ambiti" e conclude precisando che "i voucher erano stati introdotti diversi anni fa, ampliati poi dalla Legge Fornero ed io ho molto condiviso la necessità della tracciabilità".
La Cgil anticipa che - se il Parlamento convertirà in Legge il Decreto del Governo - non si limiterà a festeggiare perché considererà questo risultato il primo punto di avanzamento per la Carta Universale dei diritti del lavoro e continuerà la battaglia per ribaltare la logica delle politiche che hanno frammentato, diviso, impoverito il lavoro.
"Stride che in Abruzzo" dichiara Rita Innocenzi "dove ci siamo distinti anche rispetto al quadro nazionale per essere stati gli unici ad aver raggiunto un accordo in aggiunta al Masterplan e per aver condiviso e creduto a Carta di Pescara, che le associazioni datoriali seguano il coro di alcune uscite nazionali contrarie alla scelta dell'abrogazione dei voucher. Eppure in Abruzzo sappiamo bene come la ricetta della riduzione del costo del lavoro non abbia permesso e non permetta l'uscita dalla crisi. Mi pare, peraltro, che tutti condividiamo piuttosto come i problemi delle imprese abruzzesi risiedano nella mancata innovazione, nelle difficoltà di accesso al credito, nella scarsa propensione all'internazionalizzazione.
L'apologia dei voucher indicati come fondamentali per le imprese da la misura di come questi abbiano rappresentato uno strumento di sostituzione del lavoro subordinato regolare con la peggiore delle forme di precarietà" aggiunge e conclude rivolgendosi al Presidente di Confindustria: "piuttosto che soffermarsi sulla valenza dei voucher che di certo nulla hanno a che fare con il futuro dell'industria in Abruzzo, credo sia il caso che si attivi per rimuovere gli atti che impediscono nelle sue aziende il diritto alla maternità".

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it