Iscriviti OnLine
 

Pescara, 23/11/2017
Visitatore n. 628.945


 

Data: 16/10/2017
Settore: Trasporto pubblico locale

TRASPORTO LOCALE: UNA 'RIFORMA' CON DELLE FORTI CRITICITÀ - Filt Cgil e Cgil Abruzzo: «Andiamo avanti nell'interesse del futuro dei servizi e dei lavoratori». Approfondimento negli studi di Rete8 con Camillo D'Alessandro, Tullio Tonelli, Alessandro Di Naccio e Rita Innocenzi - Rassegna stampa - Tonelli (Presidente Tua) «Dobbiamo aumentare il numero dei viaggiatori, creare le condizioni di comodità da offrire nelle aree principali. Dobbiamo agire nelle aree importanti. Pescara è l'unica area grossa che può consentirci questo obiettivo».

Nel recente Esecutivo della Filt Cgil tenuto con la partecipazione della Cgil regionale, sono stati approfonditi i contenuti della delibera emanata il 29 settembre 2017 n.539 ed avente ad oggetto la politica regionale sui trasporti. Si tratta di un atto che contiene il percorso relativo all'AFFIDAMENTO IN HOUSE SU CUI TUTTE LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI SONO D'ACCORDO e che sulla SULLA MODALITA' DI REALIZZAZIONE DI TALE AFFIDAMENTO lascia, invece, prive di riscontro positivo tutte le CRITICITA' e le CONTRARIETA' che la FILT CGIL aveva segnalato nel corso delle intense fasi di confronto avuto nelle ultime settimane.

La delibera, diversamente da quanto era stato inizialmente ipotizzato, prevede i seguenti interventi:

Proroga fino a tutto il 2018 degli affidamenti in concessione dei servizi di trasporto del bacino regionale;

Affidamento del servizio di TPL in regime di "in house providing" in favore di TUA e ciò per il periodo 1° gennaio 2019/31 dicembre 2027;

Definizione dei corrispettivi economici per TUA: 85mln/€ (anno 2018) e poco più di 82mln/€ a partire dal 2019 fino al 2027;

Decontribuzione dei servizi oggetto di concessione sulla direttrice verso Roma (L'Aquila-Roma / Teramo-Roma);

Messa a gara di una quota non inferiore al 10% dei servizi di TPL su gomma ricadenti nel bacino unico regionale;

Possibilità di avvalersi di affidamento diretto anche nei confronti di vettori privati nei termini delle modesta entità previste dalla norma;

Definizione della rete dei servizi minimi entro il periodo transitorio (2018) oggetto di proroga delle concessioni.

Nella citata delibera è stata, inoltre, riportata la decisione del CdA di TUA che, in data 30/8/2017 (con la condivisione di altre sigle sindacali) ha autorizzato, diversamente dalla ipotizzata cessione, un affitto di ramo d'azienda a Sangritana Spa indicando quale oggetto corrispondente quello delle attuali attività commerciali nonché quelle a lunga percorrenza su gomma che storicamente e fino alla fine di settembre 2017 sono state oggetto di contribuzione.

Per la FILT CGIL e la CGIL regionale restano le preoccupazioni sulla sostenibilità non solo della neo Sangritana Spa ma anche sulla solidità della stessa società regionale dei trasporti TUA che, contrariamente agli impegni precedentemente assunti dalla Regione in materia di stabilizzazione delle risorse, si vedrà drasticamente ridurre finanziamenti e contribuzione (poco più di 82 mln/€ a partire dal 2019 a fronte di 96 mln/€ del 2015).

Restano, quindi, le criticità, le perplessità e le contrarietà sul modo che si è scelto per procedere all'affidamento in house permanendo, infatti, una serie di elementi di preoccupazione sullo scenario futuro anche rispetto alle correlazioni tra le scelte adottate ed i meccanismi di riparto del fondo nazionale dei trasporti.

Si apre ora una fase di verifica cui darà seguito la Regione così come previsto in delibera e cui darà seguito, nel contempo e per quanto di propria responsabilità la FILT congiuntamente alla CGIL Regionale.

Abbiamo peraltro in atto anche una vertenza aziendale attivata con TUA e chiusasi con esito negativo presso la Prefettura di Chieti. In quell'occasione abbiamo elencato ed evidenziato ben 11 verbali di accordo disattesi dall'azienda per complessive 21 tematiche ed impegni non rispettati.

Nei prossimi giorni torneremo a riconvocare le RSA di TUA operanti nelle rispettive unità di produzione ed insieme anche sulla vertenza aziendale decideremo il da farsi

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it