Iscriviti OnLine
 

Pescara, 16/09/2019
Visitatore n. 681.308



Data: 30/11/2007
Settore:
Filt Cgil Chieti
SANGRITANA, IL 13 DICEMBRE SARA' SCIOPERO - Anche davanti al Prefetto, l'azienda č rimasta ferma sulle proprie posizioni. Aumenti retributivi di 2000? al mese. La Filt Cgil ĢIntervenga immediatamente la Regioneģ - La proclamazione di sciopero

La FAS (Ferrovia Adriatico Sangritana) presieduta da Loredana Di Lorenzo si troverà costretta a fronteggiare una prima azione di sciopero di tre ore che tutti i sindacati presenti in azienda ad esclusione della Fit Cisl, hanno proclamato per il prossimo 13 dicembre dalle 9.00 alle 12.00. Filt Cgil, Uil Trasporti, Faisa Cisal e Ugl, sono giunti a questa inevitabile decisione dopo aver esperito tutti i possibili tentativi per ripristinare serene e costruttive relazioni industriali. Non sono serviti pertanto gli incontri del 29 agosto e quello più recente tenutosi lo scorso 08.11.2007 dietro apposita iniziativa dell’Assessore Regionale ai Trasporti Tommaso Ginoble, il quale, pur in veste di Azionista Unico della Società di proprietà della Regione Abruzzo, ha dovuto prendere atto della volontà aziendale a non volere recedere dalle proprie posizioni. Tutti i provvedimenti unilateralmente assunti dall'azienda negli ultimi mesi sono stati infatti assolutamente confermati e, come se non bastasse, nel corso del tentativo di conciliazione tenutosi davanti al Prefetto di Chieti lo scorso 22 novembre, si è appreso addirittura dalla stessa Presidente Di Lorenzo che in data 09.11.2007 la Sangritana ha adottato ulteriori provvedimenti di aumenti retributivi medi per circa 2000€/mese riservati ad alcuni quadri aziendali oltre che riconoscimenti di parametri funzionali ad ulteriori dipendenti. Un fatto di assoluta gravità se si pensa che tali provvedimenti siano stati adottati nel pieno dell'iter procedurale di raffreddamento ovvero nella fase in cui le “aziende devono astenersi da azioni unilaterali”. Insomma una situazione paradossale ed esplosiva per la quale la Regione Abruzzo ed in primis l'Assessore Regionale ai trasporti Tommaso Ginoble non può rimanere indifferente. La Cgil (nella foto da sinistra il Segretario della Filt di Chieti Salviani e il Segretario della Camera del Lavoro Marchioli) nel ribadire l'assoluta necessità di ripristinare anche in questa azienda una situazione di normalità, chiedono un intervento immediato e risolutivo della Regione Abruzzo.



www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it