Iscriviti OnLine
 

Pescara, 29/01/2020
Visitatore n. 686.483



Data: 02/08/2010
Testata giornalistica: Leggimi
Costantini (Idv): il trasporto pubblico locale alla canna del gas, nel disinteresse della Regione. Circa il 20% dei dipendenti rischierà di perdere il posto di lavoro.

Da una parte il Governo che taglia all'Abruzzo 40 milioni di euro; dall'altra un sistema che continua a generare sprechi ed inefficienze inaccettabili:
* consulenze, nuove piante organiche, assunzioni e progressioni di carriera per gli amici degli amici;
* direttori, vice direttori, consulenti dei direttori e dei vicedirettori e decine di dirigenti;
* amministratori, consiglieri di amministrazione e revisori dei conti a decine.

Questo e' il quadro desolante del trasporto pubblico locale che, al posto di una azienda unica, e' gestito da una decina di società regionali e partecipate, oltre ad una quarantina di privati.
Il trasporto pubblico locale pesa sul bilancio regionale subito dopo la sanità, con ben il 7% delle risorse complessivamente disponibili ed occupa 3.200 dipendenti, tra gomma e ferro.
Di questi, a causa dei tagli, circa il 20% rischierà di perdere il posto di lavoro, mentre la politica se ne frega e attende immobile la prossima inevitabile emergenza.
Gli stessi Sindaci, che pochi giorni fa hanno protestato in Consiglio Regionale, tra poche settimane saranno costretti ad indossare nuovamente le fasce tricolori per protestare contro i tagli del personale e dei servizi, considerato che i tagli imposti dallo Stato alla Regione si trasformeranno entro la fine del 2010 in tagli che la Regione imporrà ai Comuni ed ai cittadini.
L'Italia dei Valori non consentirà la perdita di un solo posto di lavoro e la riduzione di un solo servizio a danno dei cittadini, se prima la Regione non avrà tagliato la montagna di sprechi e di inefficienze che pesano come un macigno sul sistema del trasporto pubblico locale e non avrà definito una seria proposta di riorganizzazione del sistema.
Avrebbe dovuto farlo già da oltre un anno, ma ormai con l'approvazione della manovra Tremonti e' davvero suonata la campanella dell'ultimo giro.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it