Iscriviti OnLine
 

Pescara, 21/09/2020
Visitatore n. 696.420



Data: 27/10/2006
Testata giornalistica: Rassegna sindacale
Manifestazione 4/11: Cgil ferma condanna

'In queste ultime ore da una parte dei componenti del comitato promotore della manifestazione del 4 novembre sono stati espressi posizioni e giudizi che vanno condannati con tutta la fermezza necessaria - è quanto afferma una nota della segreteria della Cgil -. Quando si criminalizzano persone, come nel caso del ministro Damiano, e organizzazioni, sindacati confederali, così come hanno fatto i Cobas, è evidente che si compie una scelta da cui la Cgil e tutte le sue strutture devono prendere le distanze, a partire dalla manifestazione del 4 novembre. La Cgil è impegnata a sostenere la piattaforma unitaria sulla manovra economica e finanziaria del Governo, come deciso dal Direttivo del 9 ottobre, per difenderne gli aspetti positivi, per pretendere la modifica delle criticità; continueremo la battaglia per la lotta alla precarietà, contro il lavoro nero, lo sfruttamento, così come abbiamo denunciato da ultimo nella grande manifestazione unitaria del 21 ottobre a Foggia, tutti temi su cui proseguirà l'iniziativa e la mobilitazione della Cgil- conclude la nota della segreteria'. L'annuncio pubblicato dai Cobas sul Manifesto del 25 ottobre definisce il ministro Damiano un "amico dei padroni" e la sua politica "una vergogna particolarmente rivoltante". I Cobas non risparmiano neppure attacchi ai sindacati confederali, definendoli "firmatari di un accordo peggiorativo della legge 30".

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it