Iscriviti OnLine
 

Pescara, 23/09/2020
Visitatore n. 696.520



Data: 26/05/2007
Testata giornalistica: Il Centro
Cgil Abruzzo, Di Cesare nuovo segretario. Il dirigente aquilano eletto con il 59% dei voti. Leone alla Federconsumatori

PESCARA. Le previsioni lo avevano annunciato, e ieri mattina, dopo otto anni, Franco Leone ha lasciato la guida della Cgil regionale e passato il testimone a Gianni Di Cesare. E' infatti il sindacalista aquilano, 52 anni, già leader della Fiom, il nuovo segretario generale della Cgil abruzzese, chiamato a guidare un'organizzazione che con i suoi 119 mila iscritti è di gran lunga il sindacato più rappresentativo del mondo del lavoro della regione.
Ieri, nella sede regionale del sindacato in via Benedetto Croce a Pescara, il comitato direttivo ha eletto a scrutinio segreto il successore di Leone, che dopo due mandati non poteva essere ricandidato per precise disposizioni dello statuto.
Sul piatto due candidature: accanto a Di Cesare c'era il nome di Mario Boyer, già segretario della Camera del lavoro di Pescara e a lungo dirigente nazionale della Fisac, il sindacato dei bancari.
Un confronto a due nato fin dalle prime consultazioni informali, e che si è concluso con una vittoria non schiacciante di Di Cesare, eletto con il 59 per cento dei consensi (70 voti contro i 48 voti di Boyer).
Dalla sua c'erano dirigenti come Betty Leone, concittadina di Di Cesare, ma soprattutto segretaria generale nazionale dello Spi, il sindacato nazionale dei pensionati, ovvero l'azionista di maggioranza della Cgil.
«E' stata una consultazione serena, ora occorre lavorare all'insegna della continuità ma capaci di affrontare nuove sfide» ha esordito Di Cesare, «partendo da un presupposto: occorre avere maggiore attenzione per l'industria. L'Abruzzo, senza l'industria, non può avere un futuro sereno».
Negli ultimi anni Di Cesare - che ha aderito alla Sinistra Democratica di Fabio Mussi - ha infatti seguito da vicino le politiche industriali, le vertenze dei territori, le strategie di sviluppo delle categorie.
Ora ridisegnerà gli equilibri nella Cgil a partire dai vertici regionali, il cui ricambio è annunciato per settembre.
Stravolgimenti, tuttavia, non sono attesi: Di Cesare è stato infatti uno dei più stretti collaboratori di Leone nella passata segreteria.
«Mi interessava che il dibattito si svolgesse in un clima sereno, e così è stato» ha commentato ieri lo stesso Leone, «Di Cesare e Boyer sono due dirigenti di grandi qualità che hanno fatto molto per il sindacato».
L'ormai ex segretario regionale, dopo una vita trascorsa fra sindacato dei chimici, Camera del lavoro di Pescara e Spi, si dedicherà ora ad una sfida nuova, quella di Federconsumatori, l'organizzazione nata grazie al contributo della Cgil e che finora in Abruzzo è stata presieduta dall'ex senatore Nevio Felicetti, fresco di nomina alla presidenza dell'Ires, il centro studi della Cgil su economia e welfare.
Al neosegretario Di Cesare sono arrivate subito le felicitazioni della segretaria regionale dei Democratici di sinistra Stefania Misticoni.
Messaggi di congratulazioni sono arrivati dalla Uil di Roberto Campo e da Geremia Mancini dell'Ugl.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it