Iscriviti OnLine
 

Pescara, 22/09/2019
Visitatore n. 681.530



Data: 06/08/2019
Testata giornalistica: AltoMolise.net
Regione e Ministero insieme per il nuovo piano trasporti e infrastrutture: tempo di realizzazione 18 mesi per 500 mila euro di spesa. Per i porti ci sono due possibilità: o un'intesa portuale con l'Abruzzo o con la Puglia in linea con la Zes appena firmata.

500mila euro da impegnare nella soluzione dei problemi del trasporto su gomma, su ferrovia e su mare. Il trasporto aereo rimane solo nei progetti del contratto istituzionale di sviluppo. E' venuto fuori in un incontro avvenuto oggi nella sede del parlamentino della giunta regionale. Presenti il presidente della Regione Donato Toma e l'assessore Vincenzo Niro al tavolo, Luigi Mazzuto era poco distante ad ascoltare l'inviato tecnico del ministero dei trasporti.

Uno strumento, il nuovo piano trasporti e infrastrutture del Molise, che arriva dopo l'ultimo piano targato 2013. Il presidente della Regione Toma tuttavia chiede gli applausi non per ora ma per quando verrà portato a termine. La realizzazione del progetto è prevista entro 18 mesi. Dal primo settembre parte un altro conto alla rovescia ed è relativo al bando di gara sul gestore unico del trasporto. Ci sarà tempo novanta giorni per realizzarlo e iniziare a lavorare al piano regionale che avverrà d'intesa con il Governo.

Per quanto riguarda gli autobus dovrà essere migliorata la rete delle infrastrutture perché funzioni al meglio. Nelle slide presentate non era stato chiarito nulla in merito alle aree interne ma ci ha pensato il sindaco di Pietracupa per tutti a chiedere attenzione ai paesi isolati. E' stato direttamente il Presidente Toma a garantire che nel piano da redarre verrà prestata attenzione ai paesi isolati, non solo Pietracupa, Trivento e Salcito ma soprattutto Bagnoli del Trigno che, parole del Governatore "deve essere ricollegato con il mondo".

Sui treni invece a breve dovrà essere migliorato il tratto ferroviario Campobasso Roma e va rimesso in funzione quello che collega il capoluogo di regione con la costa adriatica e in particolare con Termoli. Per i porti ci sono due possibilità: o un'intesa portuale con l'Abruzzo o con la Puglia in linea con la Zes appena firmata.

Per quello che riguarda le slide e gli aspetti tecnici del piano potete collegarvi qui e guardare la diretta streaming del ministero che spiega passo dopo passo le linee guida da adottare.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it