Iscriviti OnLine
 

Pescara, 24/02/2021
Visitatore n. 703.209



Data: 21/04/2019
Testata giornalistica: Il Centro
Torna il Frecciabianca, corse estive per i turisti. Dal 9 giugno al 15 settembre il treno farà scalo alla stazione di Vasto-San Salvo. Partenze e arrivi da Milano e Lecce. Ora si punta a prolungare il servizio

VASTO Il ponte pasquale ha portato sulla riviera vastese la prima ondata di vacanzieri. Inevitabile l'aumento di traffico su strade e autostrade. Dal prossimo 9 giugno molti turisti potranno lasciare l'auto a casa. Da domenica 9 giugno, per il quarto anno consecutivo, il treno Frecciabianca farà scalo nella stazione ferroviaria di Vasto-San Salvo per tutto il periodo estivo. Il servizio sarà sospeso domenica 15 settembre. Da Milano Centrale il convoglio 8893 partirà alle ore 11.35 per raggiungere la stazione di Vasto-San Salvo alle 17.21 e giungere a Lecce alle 20.52. Il treno 8884 partirà invece da Lecce alle ore 10.58 e farà scalo a Vasto-San Salvo alle 14.38 per arrivare a Milano Centrale alle 20.25. I biglietti sono già acquistabili sui canali ufficiali di Trenitalia. La fermata del Frecciabianca è stata fortemente voluta dalla Regione e dagli imprenditori turistici del Vastese che hanno sostenuto dal primo momento l'iniziativa. Grande la soddisfazione degli amministratori ma anche dei tanti manager e dirigenti delle aziende del territorio costretti a fare i pendolari. Più volte le aziende hanno chiesto il servizio anche in inverno. Sulla prosecuzione del servizio, oltre il periodo estivo, tutto dipenderà dai dati di traffico considerando che questo è un servizio a mercato, e che ha come base la vendita dei biglietti rispetto a quelle che sono le necessità. Se il servizio avrà buoni riscontri, Trenitalia farà sicuramente le opportune valutazioni. Soddisfatti anche i sindaci di Vasto e San Salvo, Francesco Menna e Tiziana Magnacca. Era stata la Magnacca 4 anni fa a invocare più attenzione ed interesse per lo scalo ferroviario Vasto-San Salvo. «Questa stazione rischia di diventare uno scalo fantasma», protestò il primo cittadino indirizzando una lettera a Camillo D'Alessandro, all'epoca sottosegretario alla presidenza della giunta regionale con delega specifica ai trasporti. Il suo appello venne ascoltato e, grazie all'intervento di D'Alessandro, Trenitalia ripristinò la fermata. Tutti i sindaci del Vastese vorrebbero che oltre al Frecciabianca fossero incrementate le fermate dei treni a lunga percorrenza, per porgere una maggiore offerta turistica al territorio in generale. «Centomila presenze sulla riviera hanno diritto ad un servizio ferroviario adeguato», rimarca il sindaco di Vasto, Francesco Menna. È indubbio l'interesse delle amministrazioni comunali di Vasto e San Salvo affinché sia lo snodo ferroviario per le aree industriale e sia l'aumento delle fermate dei treni a lunga percorrenza nella stazione di Vasto-San Salvo, vengano inseriti nell'agenda delle Ferrovie dello Stato.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it