Iscriviti OnLine
 

Pescara, 27/01/2021
Visitatore n. 702.113



Data: 19/07/2019
Testata giornalistica: Il Messaggero
Look internazionale all'Aeroporto con l'area duty free

Un nuovo look per l'aeroporto d'Abruzzo, biglietto da visita della regione. Con l'inaugurazione della nuova area imbarchi, da ieri operativa, lo scalo pescarese assume i contorni di un hub commerciale internazionale, con duty free, bar e aree degustazione. «Siamo felici che l'aeroporto inauguri - spiega il presidente della Saga, Enrico Paolini - questa area duty free che rappresenta un tassello importante per la crescita dello scalo che ha registrato un incremento di passeggeri, attestandosi a quota 700 mila l'anno. Con l'apertura nell'area imbarchi, dopo i controlli, dei due bar D'Angelo, del negozio di prodotti tipici Iannone, del punto vendita dei liquori Evangelista, di una cartolibreria e di un negozio di artigianato si offre un biglietto da visita importante e un buon ricordo per chi riparte dall'Abruzzo».
VOLI E CROCIERE
Uno scalo ormai in linea con gli standard internazionali, anche da un punto di vista di sicurezza, tanto che da Pescara partiranno i voli charter di Costa Crociere diretti a Dubai e a Pointe-à-Pitre, in Guadalupa, per le crociere negli Emirati e nei Caraibi orientali. E se da una parte vengono incrementate le rotte internazionali e quelle con Sicilia e Sardegna, resta l'incubo di perdere il volo per Linate, a causa dei tagli del piano di ristrutturazione dell'Alitalia. «Il presidente Marco Marsilio - continua Paolini - si sta muovendo con il Governo per scongiurare il rischio che Alitalia tagli la rotta abruzzese, il che decreterebbe la morte economica dell'Abruzzo. Abbiamo interpellato anche il sottosegretario Gianluca Vacca affinché chieda un incontro con il ministro Toninelli per trattare con i commissari Alitalia e spiegare loro che Pescara è lo scalo, rispetto ad esempio ad Ancona e Perugia, con più passeggeri e con un indice di capienza dei voli maggiore degli altri». Dello stesso avviso l'assessore al Turismo, Mauro Febbo, che annuncia: «La Regione si sta già muovendo nelle sedi parlamentari per evitare che Alitalia cancelli lo scalo abruzzese. Per noi Milano, come Torino, è una rotta strategica». Intanto, nell'attesa che Alitalia sciolga le riserve sul futuro della rotta Pescara-Linate, all'aeroporto l'obiettivo è coccolare i passeggeri.
PRELIBATEZZE
Così Marco e Paola D'Angelo, titolari dei due bar nello scalo: «Vogliamo rafforzare l'identità della nostra terra attraverso i nostri dolci, i nostri panini gourmet o i piatti realizzati con materie prime autoctone. Abbiamo voluto portare qui e a bordo degli aeromobili che si servono del nostro catering il meglio dell'Abruzzo, come i cornetti alla liquirizia di Atri farciti con la composta di lamponi. Lo stesso vale per le selezione dei grani e per carne, pesce, salumi e formaggi, provenienti da produzioni locali». E per il futuro degustazioni guidate con esperti sommelier, assaggiatori di olio e formaggi nell'area imbarchi, per lasciare un buon ricordo (e un buon sapore) dell'Abruzzo.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it