Iscriviti OnLine
 

Pescara, 05/12/2019
Visitatore n. 684.526



Data: 07/09/2006
Settore:
Filt Cgil L'Aquila
TERMINAL BUS DI AVEZZANO - Il giudice di pace ordina al Comune la rimozione delle barrriere architettoniche. A marzo la prima denuncia della Filt Cgil

La denuncia partì circa 6 mesi fa (era il 19 marzo 2006) dal segretario provinciale della Filt Cgil di L'Aquila Gaetano Iacobucci che senza mezzi termini invitò l'amministrazione comunale a rimuovere le pensiline del terminal Arpa in quanto oltre a rappresentare un ostacolo insormontabile per i disabili e le mamme con le carrozzine, costituivano «Un vero e proprio obbrobrio». La protesta che fu condivisa anche dall'associazione dei consumatori Arco, provocò una stizzita reazione dell'Assessore Iampieri il quale, ribadendo la correttezza tecnico funzionale dell'opera, accusò la Filt Cgil di muoversi con «pretestuose strumentalizzazioni a soli fini elettorali» (era la vigilia delle elezioni). E notizia di ieri che il Giudice di Pace ha ordinato la rimozione delle barrriere architettoniche presenti nel terminal dell’Arpa accogliendo una legittima richiesta del sindacato famiglie italiane diversamente abili a tutela dei i diritti dei portatori di handicap.



«Pensiline del terminal da rimuovere». La Filt-Cgil: ostacolano i disabili e non proteggono i viaggiatori  (Il Centro - 20 marzo 2006)



 


Iacobucci (Filt) attacca l’assessore Iampieri: «Terminal inadeguato» (Il Centro - 23 marzo 2006)


«Terminal fuori legge», nuova protesta. Gaetano Iacobucci (Filt-Cgil) «Le pensiline sono esteticamente un insulto all’ambiente, ma soprattutto poco funzionali».(Il Centro - 19 luglio 2006)

 







 


 


 



 


 


 



 


 


 



 


 



 


 



 


 


 



 





 


 


 

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it