Iscriviti OnLine
 

Pescara, 29/05/2020
Visitatore n. 692.244



Data: 01/04/2007
Settore:
Economia
TUTTI A CACCIA DEL «TESORETTO» - E' l'oggetto del desiderio di Confindustria, ma Epifani avverte: «Non vorrei arrivare a giugno e vedere che è già stato suddiviso senza che ce ne accorgessimo»

Sull'extra gettito fiscale si è aperta da tempo una vera corsa alla prenotazione. Se da un lato il ministro per lo Sviluppo Economico Bersani propende di destinare le risorse aggiuntive alla politica delle riforme e il suo collega Visco punta a rafforzare il risanamento economico del paese, Confindustria rivendica il merito della ripresa e del surplus di entrate fiscali. Secondo il presidente Montezemolo (nella foto) «Il tesoretto non deve essere dilapidato in mille rivoli, alla ricerca di mille piccole sacche di consenso». Sull'argomento è chiaramente intervenuto il Segretario Generale della Cgil Guglielmo Epifani secondo il quale occorre prestare molta attenzione all'uso che si farà del cosiddetto 'tesoretto'. «Non vorrei arrivare a giugno - ha osservato Epifani - scoprendo che il tesoretto è già stato suddiviso senza che ce ne accorgessimo, restando così senza risposte ai problemi che intendiamo porre ai tavoli».
Epifani a questo proposito ha aggiunto «Con l'operazione Ici e senza interventi sulle rendite finanziarie (che pure erano previsti nella finanziaria) il tesoretto è già finito, consumato, insomma tolto di mezzo. Il governo valuti a giugno l'entità di questo tesoretto e verifichi quali sono le priorità. Quello che non viene coperto con il tesoretto andrà coperto con la legge finanziaria».

RASSEGNA STAMPA - "Il Manifesto"

RASSEGNA STAMPA - "Il Messaggero"

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it