Iscriviti OnLine
 

Pescara, 27/05/2022
Visitatore n. 717.909



Data: 07/01/2014
Settore:
Politica regionale
IL BIGLIETTO UNICO IN ABRUZZO: UNA DECISIONE ATTESA DA 15 ANNI IN GRADO DI PORRE FINE AD UN’INACCETTABILE DISPARITA’ DI TRATTAMENTO CON LE ZONE INTERNE DELLA REGIONE - Un provvedimento che può costituire occasione di sviluppo, razionalizzazione e incentivazione all’utilizzo del mezzo pubblico - Speciale multimedia (Rai Tgr Abruzzo) - (Rete8) - (Teleponte)

Delle tante riforme annunciate nel corso di questa legislatura (che ormai volge al termine) concernenti il settore del trasporto pubblico locale, quella dell’integrazione tariffaria era sicuramente la meno attesa e la meno probabile. Tuttavia la volontà del legislatore di introdurre un nuovo sistema di integrazione tariffaria mediante titoli di viaggio che l’utenza potrà utilizzare indistintamente nell’intero territorio regionale sui diversi vettori pubblici e privati che operano sia su gomma che su ferro, è indubbiamente un’idea vincente oltre che condivisibile per due ordini di motivi.

VANTAGGI NON SOLO PER L’UTENZA MA ANCHE PER LA STESSA REGIONE - Intanto con l’adozione dell’integrazione tariffaria, l’Abruzzo seppur in ritardo di oltre 15 anni, andrà ad uniformarsi ad altre regioni pioniere (Emilia Romagna, Lombardia, ecc) che già da tempo hanno potuto constatare l’elevato grado di soddisfazione dei viaggiatori/utenti nel poter utilizzare un solo titolo di viaggio per i servizi di trasporto pubblico offerti dalle aziende operanti nel territorio regionale. Vantaggi che per i cittadini sono sia di ordine pratico ma anche di natura economica e che nel contempo, possono rappresentare anche per la stessa Regione Abruzzo una misura di sviluppo, razionalizzazione e incentivazione all’utilizzo del mezzo pubblico.

UNIFORMARE IL SISTEMA UNICO TARIFFARIO SULL’INTERO TERRITORIO REGIONALE - L’altro motivo per cui la Filt Cgil Abruzzo ha sempre sollecitato le Istituzioni ad adottare l’integrazione tariffaria in ambito regionale, è riconducibile ad una inaccettabile disparità di trattamento che perdura ormai dal 1° settembre 2004 (delibera Giunta Regionale n. 478 del 4 giugno 2004) e che consente alla sola utenza dell’area metropolitana Chieti-Pescara (vedi allegato) di poter disporre delle indubbie agevolazioni tariffarie introdotte con il biglietto Unico, limitatamente a 4 aziende (Arpa, Gtm, La Panoramica e Satam) rispetto alle oltre 50 operative in ambito regionale. Un fatto che ha peraltro accentuato nel corso di questi anni, quell’insopportabile squilibrio con le zone interne della regione notoriamente già svantaggiate in termini di qualità e quantità dei servizi di trasporto locale erogati.

SULLE ALTRE RIFORME E’ MANCATO IL CORAGGIO: AZIENDA UNICA, BACINO UNICO E FONDO UNICO REGIONALE SONO RIMASTI AL PALO – Di sicuro la sola integrazione tariffaria per la cui piena operatività, stando a quanto legiferato, dovremo aspettare ancora un altro anno, costituisce ben poca cosa rispetto alle tante riforme che erano state annunciate in pompa magna per il settore dei trasporti dal Governatore Chiodi. A pochi mesi dalla fine della legislatura, sono davvero in pochi ormai a credere che il Consiglio Regionale troverà il coraggio per rendere operativo quel fondo unico regionale dei trasporti che consentirebbe ad esempio di risollevare le sorti dell’Arpa attraverso una più equa ed attenta distribuzione tra le imprese del settore delle risorse destinate al TPL e al tempo stesso favorirebbe la ripresa di quel processo di unificazione delle aziende pubbliche arenatosi insieme al bacino unico regionale.

RASSEGNA STAMPA SULLA NOTIZIA

Il Messaggero
Il Tempo
Ferpress
Certa stampa
Abruzzo web
Il Fatto Teramano
City rumors
Primadanoi
Emmelle

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it