Iscriviti OnLine
 

Pescara, 16/09/2019
Visitatore n. 681.308



Data: 07/11/2007
Settore:
Trasporti
TRASPORTI, I SINDACATI PROCLAMANO LO SCIOPERO GENERALE DI 8 ORE PER IL 30 NOVEMBRE - A dichiararlo sono state le segreterie nazionali di Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti - Rassegna stampa

Sciopero generale di tutto il settore dei trasporti per il 30 novembre prossimo. A dichiararlo sono state le segreterie nazionali di Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti. L'astensione dal lavoro, come precisano i segretari generali delle federazioni di Cgil, Cisl e Uil rispettivamente Fabrizio Solari, Claudio Claudiani e Giuseppe Caronia, ''si e' resa inevitabile constatata la perdurante assenza di un confronto con il Governo piu' volte sollecitato, nonche' per la insostenibile situazione in cui versano pressoche' tutte le aziende del settore''. ''Il comparto dei trasporti e della logistica -proseguono i segretari generali di Filt Fit e Uilt- e' sempre piu' importante per l'economia del Paese e per la sua crescita. I temi delle infrastrutture trasportistiche e della mobilita' dovrebbero costituire una priorita' nell'ambito di una politica unitaria e sistemica. Cosi' non e'. Le responsabilita' delle controparti, a cominciare dagli attori pubblici, sono molto gravi''. ''Tutto il settore -ribadiscono Solari, Claudiani e Caronia- e' attanagliato da uno stato di crisi senza precedenti che nuoce in modo notevole sulla qualita' e regolarita' dei servizi, sul lavoro e sui salari. La situazione -aggiungono i sindacati in una nota- sta progressivamente degenerando ed investe direttamente elementi cruciali per la mobilita' del Paese dall'Alitalia alle Ferrovie, dalla Tirrenia al trasporto locale ai porti''. ''L'Alitalia -scrivono i tre segretari generali- e' avvolta da un silenzio sconcertante che non chiarisce le decisioni sulle quali il sindacato va coinvolto direttamente. Le Ferrovie, per altro verso, non sono in grado di avviare un confronto di merito sul piano industriale e sul rinnovo del contratto nazionale anche in considerazione della precarieta' dei fondi messi a disposizione dalla Finanziaria. Analoga situazione di gravita' riguarda il Gruppo Tirrenia per il quale non si prevede il richiesto scorporo delle Societa' Regionali ad implementazione del piano industriale all'approvazione del CIPE. Ne' si puo' tralasciare il trasporto pubblico locale per il quale -ribadiscono i leader delle tre federazioni- era stato assunto l'impegno da parte del Governo a ricercare una soluzione strutturale della quale non vi e' traccia nella legge di bilancio per il 2008 per i portuali e' negata la cassa integrazione strutturale per il lavoro non continuativo''. ''La perdurante e inaccettabile politica del rinvio -sottolineano Solari, Claudiani e Caronia- rischia di trasformarsi in un abbraccio mortale per tutte le aziende del settore, mettendo a repentaglio ogni ipotesi di rilancio anche rispetto alla domanda crescente e persino la sostenibilita' del sistema dei trasporti. Abbiamo sollecitato a piu' riprese un confronto di merito con il Governo per intervenire sul settore in una visione d'insieme delle politiche di rilancio, modernizzazione e sviluppo dell'intero sistema integrato della mobilita', senza ricevere alcuna risposta. Ribadiamo la nostra disponibilita' a lavorare per una semplificazione del sistema contrattuale, per mettere a punto modelli di relazioni sindacali meno conflittuali, per intervenire sulla rappresentanza sindacale e sugli strumenti della partecipazione''. ''La totale mancanza di iniziative concrete a favore dei trasporti -concludono Solari, Claudiani e Caronia- costringe il sindacato a scioperare a causa della totale evanescenza degli interlocutori pubblici e istituzionali. E' improcrastinabile, a questo punto, una forte mobilitazione che si concentra in uno sciopero generale dei trasporti di 8 ore nel rispetto delle fasce di garanzia, come sintesi di tutte le gravi e irrisolte vertenze''.

La Commissione di Garanzia dell'attuazione della legge sullo sciopero, ''gia' convocata per giovedi' 8 novembre, esaminera' i problemi posti dalla regola sull'intervallo minimo che deve intercorrere tra piu' azioni di sciopero, nonche' dall'esigenza di individuare le misure indispensabili per garantire comunque il diritto alla liberta' di circolazione, atteso che lo sciopero riguarda tutti i mezzi di trasporto''. Lo rende noto lo stesso presidente della Commissione di Garanzia, Antonio Martone, nel comunicare che ''e' pervenuta alla Commissione, da parte di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, la proclamazione di uno sciopero della durata di 8 ore interessante tutto il settore dei trasporti per venerdi' 30 novembre 2007''

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it