Iscriviti OnLine
 

Pescara, 12/12/2018
Visitatore n. 663.813



Data: 21/09/2018
Settore:
Filt Cgil Abruzzo
TUA, E' FUMATA NERA ANZI...NERISSIMA. RIMOSSI DAGLI AUTOBUS DELL'AZIENDA PUBBLICA GLI ENNESIMI CARTELLONI PUBBLICITARI CHE INVITAVANO L'UTENZA AD UTILIZZARE IL VETTORE CONCORRENTE PRIVATO. APPRENSIONE PER I DATI DELLA SEMESTRALE 2018. - La Cgil chiede di intervinire urgentemente sulla carenza di personale e di mezzi, causa principale di soppressioni di treni e di autobus «Si assumano gli ultimi autisti dalla vigente graduatoria e si predisponga immediatamente un nuovo bando di concorso» Ex Sistema: disattesi gli impegni sottoscritti in Regione con il Presidente Lolli - Preleva il verbale con il mancato accordo

Si è protratta fino a tarda sera e per circa sei ore la riunione convocata dalla società Tua al fine di esperire la prima fase della procedura di raffreddamento e concilazione attivata dalla Filt Cgil Abruzzo. In un clima comprensibilmente assai teso anche a seguito delle recenti pesanti denunce che la Filt Cgil ha indirizzato agli organi competenti rispetto alle soppressioni indiscriminate dei servizi ferroviari e non solo, il Segretario Rolandi unitamente alla delegazione della Filt espressione di tutti i territori e di tutti i settori aziendali, ha illustratto le motivazioni della vertenza.
La Filt Cgil ha rammentato in premessa di essere firmataria del CCNL, del CCAL 26.10.2015, del Protocollo sulle relazioni industriali sottoscritto il 25 gennaio 2017, ma soprattutto di rappresentare quell'organizzazione che più si è spesa, anche in contesti politici ed istituzionali, per la realizzazione della società unica regionale di trasporto, il cui atto costitutivo ha di fatto scongiurato la fallimentare deriva verso la quale si era indirizzato il trasporto locale almeno per quella parte gestita ed amministrata fino a tutto il 2015 dalle tre ex aziende regionali.
Dal momento in cui la Cgil, legittimamente e con motivazioni più volte supportate da documentazione, da fatti , da circostante e da ragionamenti assunti coerentemente nel tempo e comunque volti al dialogo costruttivo, ha manifestato il proprio dissenso e la propria contrarietà rispetto ad una deriva decisionista della società e non più disposta al confronto, si è assistito ad atteggiamenti aziendali inaccettabili e soprattutto discriminatori nei confronti della Filt Cgil.
Le richieste di incontro avanzate su specifiche tematiche dalla Filt Cgil - ha affermato Rolandi - sono state puntualmente disattese. Se si escludono infatti le convocazioni di alcune specifiche Commissioni come quella ad esempio ai sensi della Legge 297/82 (tfr) o le riunioni Istituzionali tenutesi in Regione a seguito della procedura di licenziamento collettivo dei dipendenti ex Sistema, la Filt Cgil è stata convocata l’ultima volta in data 5 giugno 2018 (prot. N. 12578 del 31.5.2018). Una riunione peraltro conclusasi senza che sia stata offerta l’opportunità di affrontare le tematiche richiamate nelle numerose richieste d’incontro in quanto, a detta della stessa società, una successiva attivazione da parte di alcune sigle sindacali di una procedura di raffreddamento e conciliazione formalizzata in data 1° giugno 2018, impediva qualsiasi confronto di merito ma soprattutto la sottoscrizione di verbali e di formali impegni.
Nello specifico sono state elencate le mancata convocazione rispetto alle seguenti note tutte correlate da contestuali richieste d’incontro: 24 gennaio 2018 (unitamente a Cgil Abruzzo): Riconoscimenti unilaterali di assegni ad personam non previsti dal vigente Contratto Collettivo Aziendale 26/10/2015; 27 febbraio 2018: Richiesta incontro per rinnovo CQC e sollecito nota del 24/1/2018; 31 maggio 2018: Procedura di affiancamento dipendenti TUA presso altra azienda; 16 giugno 2018: protocollo relazioni industriali del 25 gennaio 2017. 10 luglio 2018: lavoratori ex Sistema transitati in Tua spa; 3 agosto 2018: Diffida per reiterati comportamenti antisindacali; 23 agosto 2018: Integrazione tematiche ordine del giorno a seguito di convocazione aziendale per il 30 agosto 2018. Finanche quest’ultima convocazione, ha ricordato il sindacato - è stata improvvisamente annullata dall’azienda ufficialmente per sopraggiunti impedimenti da parte della stessa.
Sempre nell’ambito delle corrette relazioni industriali, dei diritti sindacali e delle norme che disciplinano il diritto di sciopero ovvero più in generale tutte materie disciplinate dalle leggi vigenti, dai contratti collettivi, dai contratti aziendali, dalle regolamentazioni provvisorie e dai protocolli sulle relazioni industriali, si rileva:
- La mancata concessione di un’aspettativa (senza retribuzione) per cariche sindacali (art.8 A.N. 28.11.2015 - art.31 L.300/70) avanzata dal Segretario Provinciale della Filt Cgil di Chieti per il periodo 1/9/2018 – 31/12/2018. Analoga richiesta era stata respinta anche lo scorso anno e soltanto in una seconda fase parzialmente accolta dalla società;
- La mancata disponibilità in tutte le unità di produzione di idonei locali per indire assemblee dei lavoratori (art.11 A.N. 28.11.2015). A titolo esemplificativo si riscontra che le assemblee dei circa 400 lavoratori appartenenti all’Unità di produzione di Pescara Urbano vengono autorizzate ed espletate nel locale adibito alla mensa aziendale che, per ovvii motivi, non risulta disponibile negli usuali orari confacenti alle esigenze sindacali e dei lavoratori;
- La mancata disponibilità in tutte le unità di produzione di idonei locali da adibire a sala riserva, riposo e refezione (Allegato IV D.Lgs. 81/08)
- Il porre in essere di atti e azioni unilaterali aziendali nel corso della procedura di raffreddamento e conciliazioni e su tematiche contemplate dalla stessa procedura;
- Il mancato rispetto del Protocollo sulle relazioni industriali (25 gennaio 2017) sia per quanto attiene la parte concernente le comunicazioni e le informative annuali che per quanto attiene l’incompatibilità tra ruolo di rappresentanza datoriale e status di dirigente sindacale. Sempre a titolo esemplificativo si riscontra che al Segretario Regionale di un’organizzazione sindacale firmataria dello stesso protocollo è stato conferito il ruolo di responsabile della Struttura Organizzativa "Patrimonio e concessioni", peraltro ruolo ricoperto in staff della Divisione Ferroviaria di Tua (come da Ordine di servizio n. 118/2018 del 13 giugno 2018). Inoltre sempre in tema di violazione di detto protocollo si riscontra la costante partecipazione ai tavoli di trattativa aziendale e di confronto ex L.146/90, di rappresentanti della Società che rivestano anche incarichi sindacali di qualsiasi natura in trattative aventi ad oggetto argomenti attinenti con il ruolo ricoperto in Azienda.
- La mancate comunicazioni sull’utilizzo di contratti di somministrazione (art. 23 A.N. 28.11.2015)

Inoltre La Filt Cgil Abruzzo ha chiesto di affrontare le seguenti tematiche:
Carenza di personale: operatori di esercizio, personale di condotta e di scorta (macchinisti/capitreno) personale addetto alle verifiche dei titoli di viaggio, personale addetto alla vendita dei titoli di viaggio
La Filt Cgil Abruzzo rispetto a questa tematica chiede apposita documentazione attestante nel dettaglio:
- L’elenco dei servizi soppressi nelle rispettive unità di produzione per carenze di personale, così come riscontrabile dai rapportini di servizio compilati dal personale preposto, ma anche dalle comunicazioni formali desumibili limitatamente ai servizi ferroviari sul sito www.tuabruzzo.it ;
- Le ferie residue non fruite dal personale sopraindicato al fine di assicurare i regolariservizi
- Le prestazioni straordinarie del suddetto personale
Mancato espletamento concorso personale manutenzione
Mancata definizione normativa aziendale addetti biglietterie
Mancata definizione normativa aziendale addetti alla distribuzione tit.viaggio
Mancata armonizzazione orario di lavoro personale biglietteria
Ex Sistema: mancato rispetto accordo 6/7/2018 (trattenute mancato preavviso)
Ex Sistema: difformità e discriminazioni nell'aumento della prestazione lavorativa
Ex Sistema: mancato ricollocamento personale licenziato
Chiusure delle biglietterie per mancanza di personale
Appalti pulimento: verifica costi/benefici
Servizi commerciali affidati a Sangritana spa: verifica costi/benefici
Servizi commerciali affidati a Sangritana spa: costi indiretti sostenuti da Tua
Servizi gran turismo espletati da Sangritana spa: utilizzo del personale Tua
Riconoscimento anzianità di guida per attività lavorativa prestate in altre realtà aziendali (anche in relazione a recenti sentenze della Cassazione);
Riconoscimenti unilaterali di assegni ad personam e di ulteriori indennità non previsti dal vigente Contratto Collettivo Aziendale 26/10/2015
Istituto della banca ore (personale amministrativo): difformità di trattamento
Rinnovo CQC
Corretta applicazione Istituto della reperibilità: pressioni esercitate sui lavoratori
Somministrazione di lavoro a t.d.: (violazioni art. 23 A.N. 28/11/2015)
Protocollo sulle relazioni industriali (25 gennaio 2017): violazioni
Problematiche e difformità unità di produzione: indisponibilità sale riserva, sale assembleari, provvedimenti unilaterali e punitivi verso l’intero personale
Servizi informatici indirizzati al personale: consultazione turni, paghe, ferie ecc.
Definizione organigramma e rap aziendale
Evasione tariffaria e questione “ronde abusive” sui mezzi pubblici
Trattamenti normativi e retributivi differenziati e discriminazioni tra i lavoratori
Fruizione delle tessere di libera circolazione personale dipendente e familiari (coppie di fatto)
La sussistenza nella società regionale di trasporto TUA Spa, di profili professionali di altissimo livello che contestualmente prestano attività di collaborazione con importanti imprese private
La vetustà dei mezzi di trasporto
Premio di risultato 2017

La Filt Cgil Abruzzo si è inoltre soffermata sull'effettuazione di servizi minimi (L’Aquila/Avezzano) da parte di altri vettori. A tal proposito la Filt Cgil, dopo aver segnalato la presenza sui mezzi TUA di cartelloni pubblicitari che invitavano l'utenza ad utilizzare il vettore concorrente privato, ha appresso che tali cartelloni sono stati rimossi.

Infine la Filt Cgil Abruzzo ha chiesto spiegazioni sulla presunta incompatibilità del Presidente Tonelli a seguito della segnalazione dell'avvocatura regionale (dott.ssa Valeri), ma anche dell'Autorità anti corruzione presente nella stessa azienda regionale

In considerazione delle poche ed insoddisfacienti risposte fornite dalla società, la riunione si è conclusa allle ore 22.30 con esito negativo. La Filt Cgil Abruzzo procederà di conseguenza all'attivazione della seconda fase presso la Prefettura di Chieti.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it