Iscriviti OnLine
 

Pescara, 22/10/2020
Visitatore n. 697.958



Data: 13/06/2011
Settore:
Dip. Trasp. Pers. Terra
CCNL MOBILITA', IL MINISTERO DEI TRASPORTI CONVOCA I SINDACATI PER IL 14 GIUGNO - Rocchi (Filt Cgil): «Verso conflitto se non avanza trattativa Tpl e ferrovie» Rassegna stampa

Il Ministero di Infrastrutture e Trasporti convoca per il pomeriggio del 14 giugno prossimo la delegazione sindacale di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti, Faisa-Cisal impegnata nella trattativa sul rinnovo del CCNL di categoria Trasporto Pubblico Locale. La convocazione, che segue l’incontro dello scorso 26 maggio, ha lo scopo di verificare la sussistenza delle condizioni per la ripresa del negoziato, dopo la sospensione decisa dalla delegazione ministeriale a seguito della sostanziale indisponibilità al confronto manifestataci da Asstra e Anav. In relazione alle modalità di consultazione separata delle parti datoriale e sindacale allora decisa dal Ministero, l’incontro del 14 giugno con le Organizzazioni Sindacali dovrebbe fare seguito ad un analogo incontro con la delegazione datoriale che, contrariamente a quanto programmato dalla stesso Ministero, non si è potuto svolgere nella giornata del 26 maggio.

Confermata invece per la mattina del 14 giugno, sempre in sede ministeriale, la prosecuzione con Federtrasporto e Ancp del negoziato per il rinnovo del CCNL di categoria Attività Ferroviarie, come deciso in occasione del precedente incontro del 6 giugno. (leggi la notizia)


TRASPORTI: Rocchi (Filt), verso conflitto se non avanza trattativa Tpl e ferrovie

“Ad oltre tre anni dal varo della piattaforma sindacale del nuovo contratto della Mobilità e dopo cinque scioperi nazionali, le trattative per il rinnovo dei contratti del Trasporto Pubblico Locale e delle Attività Ferroviarie, che in questa fase rappresentano le 'gambe' del processo di progressiva costruzione del nuovo CCNL, segnano il passo”. A riferirlo è il segretario nazionale della Filt Cgil, Alessandro Rocchi, nel corso del comitato, riunito a Chianciano, con i rappresentati dei due settori della Federazione dei trasporti della Cgil, spiegando che “la trattativa riferita al TPL è praticamente 'sospesa' dal 26 maggio, quando la delegazione ministeriale ha dovuto prendere atto della persistente indisponibilità sostanziale al negoziato di Asstra e Anav, in rappresentanza delle aziende del TPL, mentre quella riferita alle attività ferroviarie è stata invece finora sovraccaricata da Federtrasporto, in rappresentanza anche del Gruppo Fs, e da Ancp di elementi di merito che zavorrano il negoziato”. “Se la trattativa non avanza - ha annunciato Rocchi - non si può attendere troppo oltre e sarà inevitabile il ritorno al conflitto”.

www.filtabruzzo.it ~ cgil@filtabruzzo.it